Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

domenica 18 agosto 2013

Flat design o Google Plus Design?

Visual based top design
Visual Based due parole che attualmente on line per molti potrebbero suonare al pari di un imperativo ma che come tutte le scelte compromesso che debbano soddisfare style design e usabilità nonché accessibilità non è esente da criticità. Ciò non toglie che non subisca il suo fascino e anche se poche volte ho visto layout perfetti (con pochi errori) raramente alcuni modelli riescono ad assolvere al soddisfacimento del servizio/obiettivo che devono assolvere-raggiungere rispettando tutti e quattro i punti che ho appena citato. Ma è anche vero che esistono esempi di modelli ben riusciti che testimoniano che esistono strade percorribili in questo senso e  che raggiungono l'equilibro tra funzionalità ed efficienza abbracciando questa filosofia di style come un sito che ho visto giusto ieri (CLICCA QUI per vederlo).

 Non faccio volutamente analisi perché non sono un grafico e ho il massimo rispetto per la categoria certo potrei comunque dare la mia opinione ma non lo farò non è questo il punto focale del Post. Delego a questo Post sul Flat design la recensione dedicata sperando di accontentare/soddisfare i puristi.

Per converso però posso sostenere con una certa evidenza nei fatti che confermano la mia opinione che questo settore molte volte nei lavori che produce e realizza da prova di occuparsi invece di Instructional design che poi a sua volta è argomento che appartiene a quell'enorme settore disciplinare che è l'Ecologia dei Media.

 Perché il design in Internet deve obbedire necessariamente alle regole/norme/compromessi che consentiranno alla piattaforma di essere USABILE ed ACCESSIBILE al fine del raggiungimento che vi siete prefissati e che anche se non riferiti all'apprendimento in senso stretto  hanno a che fare con quella fase antecedente che lo genera ovvero l'ATTENZIONE ed ciò che ne consegue alias l'INTERESSE. 

Se non centrate questi due importanti obiettivi la magia si arresta ed anche se avete  migliori contenuti le migliori intenzioni ed i xtra migliori servizi dovrete soccombere a chi rispetto a voi ha saputo spianar meglio la strada in questo senso. Ragionare a prescindere spesso non porta al conseguimento degli obiettivi prefissati se non a dei meri esercizi di style.

Probabilmente quindi il Visual based potrebbe essere nato dalla duplice necessità di evitare il rischio di perdita e riduzione dell'appeal da parte dell'attenzione che deriva dall'overload cognitivo presente nella rete causato dal sovraccarico testuale risolvendo questa estrema riduzione di complessità basandosi sull'erronea convinzione che un'immagine valga più di mille parole.

 Ma anche le immagini sono soggette alla criticità di overload cognitivo e evidenza ancor maggiore lo sono più delle fonti testuali quindi per catturare l'attenzione dell'utente le strade sono due o attraverso l'estrema riduzione della complessità visiva aiutando la capacità del cervello a vedere senza focalizzare e forse da questo obiettivo è nato il flat design o dal parossismo opposto  attraverso la produzione di un originalità tale da catturare l'attenzione nostro malgrado.

Nel mezzo a questi due estremi c'è tutto un mondo di scelte ma anche la libertà di scelta che non è certo impositiva e che allo stato attuale dell'arte nel momento in cui realizzate una qualsiasi presenza nel web può essere progettata senza fare scelte sbilanciate verso una direzione a dispetto o favore di un'altra ma abbracciandole entrambe.

Prima di passare al come giustificando ciò che ho appena scritto voglio comunque fare i miei complimenti a siti come questo tanto per esemplificare che riescono ad essere un compromesso equilibrato e gradevolissimo dal punto di vista estetico e specificare che questo post è destinato forse ai non professionisti del settore che o non sono capaci di auto realizzarsi una tale piattaforma o non hanno i soldi per farsela fare.

Quindi se come il sottoscritto avete conoscenze basiche da informatico e un budget ridicolo le scelte da fare in fase di design non comporterebbe dei vantaggi solo a livello estetico ma anche a quello funzionale inerente l'usabilità e l'accessibilità (fondamentali nei prodotti di un progettista della formazione) ed infine e non per ordine di importanza a livello SEO anzi pardon a livello SEM che a parte i vantaggi immediati nel posizionamento vi consentirebbe di avere un prodotto che non diverrà obsoleto nell'arco di pochi mesi (per quanto questo rischio attualmente non è scongiurato con nessuna innovazione).

Il punto di partenza è sempre lo stesso progettare la vostra presenza on-line GOOGLE BASED anziché a servizi esterni e quindi di poter usufruire dei loro prodotti in modalità integrata e sincronizzata.

Una volta che avete realizzato il vostro Blog by Blogger anziché Word Press lo collegate al vostro account Google Plus anziché mantenere quello di Blogger poi fate una PAGINA GOOGLE PLUS dedicata al vostro Blog questa è la mia dedicata a questo blog ed infine importate i commenti da Google plus a quest'ultimo.

Ora non mi dite che al vostro Blog con il design che volete non si è unito anche un altro sito pagina web visual based con uno style molto vicino al flat design decisamente più facile da navigare di qualsiasi pagina Facebook ma soprattutto ciò che c'è di più simile ad un sito?

Ora mi chiedo anziché bloccarsi per affrontare una spesa esagerata per un design anziché un altro se il tuo obiettivo è migliorare l'accessibilità ai tuoi contenuti e l'usabilità dei tuoi strumenti di lavoro forse non è arrivata l'ora di rovesciare il paradigma che vuole la progettazione/design sito center (mettendo il sito al centro)da cui si dipana tutta l'architettura della vostra presenza e realizzarla Google Plus center?