Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 6 dicembre 2013

Vita da Blogger

blog blogger

In italia come Blogger non si è riconosciuti!.

..Inutile sbattere la testa nel muro.. la cultura con la mentalità che si tira dietro certo non aiuta il concetto è forte e chiaro in questo paese la volontà non conta un caxo! Poi se ne avete di buona ancora peggio...vi fate pure dei nemici.

La realtà è questa inutile fare gli ipocriti e nascondere la testa sotto terra e non mi dite che quotidianamente per andare avanti non perpetuate continuamente il movimento di girarvi dall'altra parte...io se c'è qualcuno che come me ne soffre mi chiedo quanto altro tempo potrà andare avanti... sino a quando non gli si bucherà lo stomaco?

...Ai rimanenti quelli che ho escluso e che sono la maggioranza nonostante ogni volta abbia cercato di cambiarli con le mie azioni hanno avuto anche il coraggio di accusarmi di essere uno stupido... Perché? A dir loro non sono capace di adattarmi...alle regole sociali.

Vi rendete conto?

 Anche se non volessi giudicarvi è inutile che non finisca per chiedermi cosa abbiate al posto del cuore..per le riposte sul'interesse beh quelle già le ho!Sta' di fatto che tutto procede con la stessa sensibilità che hanno i cadaveri e gli assassini solo una linea temporale ne divide la coscienza nel loro modo di pensare.

Se c'è qualcun altro nella mia stessa situazione sa' benissimo che non è questione di essere un mito bohémien vivere da dissidente è una situazione schifosa..ed è inutile frignare come fanno le mammolette queste situazione riguardano le istituzioni che sono vergognosamente presenti ma schifosamente classiste.

Certo anche le comunità sature di ignavia e colme di egoismo non sono da meno e costituiscono una vera e propria inversione di valori. Consumato lo spazio dedicato al piagnisteo posso andare dritto al punto e analizzare quel tanto che basta la vita da Blogger per raccontare in quante e quali fasi è composta la mia giornata di lavoro non stipendiata da circa 11 mesi.

Chi mi conosce lo sa potrebbe confermarlo che sono totalmente apolitico ma purtroppo il dover difendere i propri diritti ha da sempre un legame indissolubile e di interdipendenza con il presente ed il futuro che un uomo intende dare se non alle proprie prospettive almeno in termini di soddisfazione delle aspettative più basilari.

Detto meno poeticamente trattasi della necessità di sopravvivere su questa terra ostile che è un fattore al di sopra di qualsiasi partizione politica e delle istituzioni che al giorno d'oggi farebbero meno danno a venire totalmente giù che a continuare a rimanere a galla rubando....ma d'altra parte è come voler contrastare un'emorragia arteriosa..esse sono uno svenamento! 

Perché continuare a dare a chi non merita e/o chi no ha risorse?

Questo comportamento vizioso è pari ad un non futuro popolato da individui che non hanno né amor proprio né voglia di lavorare figuriamoci poi se non saranno un debito.Immaginiamoci solo l''incompetenza e che danno può fare...

La giornata tipica del Blogger che non copia ma al limite prende ispirazione da altre fonti è più faticosa di chi invece recensisce o approfondisce altri temi già esistenti...poi ognuno può pensarla come gli pare ma per esperienza personale lavorare in astrazione è uno sforzo creativo che chi né è capace vi confermerà essere talmente stressante da essere totalizzante se analizzato sugli effetti a lungo termine di una produzione così caratterizzata.

Questo non vuol dire che chi lavora nell'altro modo non lavori. Ciò che accomuna tutti i blogger è l'assenza di un orario di lavoro predefinito e dei fine settimana(basti pensare a quante persone sono sui social media network il fine settimana).

Un'latro aspetto che ci pone sulla stessa barca è che se si vuole scrivere qualcosa e dobbiamo rispettare i tempi di pubblicazione Web e non quelli biblici accademici e farlo attraverso il media Web il blogger deve leggere documentarsi e studiare in continuazione.

La sua analisi non ha fine ma in cosa consiste questa attività?

Se la giornata inizia al mattino e dico così perché mediamente un blogger spegne il suo personal computer quasi a notte fonda sempre per studiare la sua attività è la seguente:

  • Dopo l'avvio del linguaggio operativo scandaglia le email di tutte le attività pertinenti a livello tematico alla ricerca di idee con conseguente ripulitura delle stesse.Trattasi di un processo che dura circa una mezza ora.
  • Accede ai principali social network ovvero Google Plus, Facebook, Twitter, Linkedin sempre con lo stesso obiettivo del primo punto il che comporta una selezione prima grossolana in base ai titoli e poi più fine dopo aver letto la letteratura.
  • A metà mattinata mi dedico all'attività di correzione dell'articolo/post scritto il giorno precedente.
    Per correzione non sotto intendo solamente la revisione ortografica e grammaticale e di analisi logica bensì un vero e proprio processo di revisione in cui la pausa temporale trascorsa dal giorno prima consente una maggiore visione per differenza e contrasto il che poi consente di realizzare il montaggio finale del post nel quale saranno tagliate le parti inutile migliorate quelle poco chiare e resi più incisivi i concetti fondamentali. (durata circa un ora ad una e mezzo).L'obiettivo è che il senso del testo(la semantica) trascenda lo stile e la struttura/architettura del post il che corrisponde per lo meno ad avere la parvenza soggettiva di essere riusciti a comunicare il messaggio che si intendeva dare prima di scriverlo.(in fase di ideazione che poi è il seme da cui nasce la pianta)
  • In contemporanea si svolgono altre attività come rispondere alle email.
  • Dopo il pranzo nell'immediato si inizia a scrivere il Post che deriva da appunti, schemi che seguono l'attività di analisi e studio applicata nel mio caso nelle ore post pubblicazione ovvero dopo le 18 sino alle una e mezzo di notte.
    Se la creatività e l'originalità sono le due caratteristiche salienti su cui basate la vostra scrittura il processo creativo non vi mollerà mai esso non avrà pause durante la giornata che siate sotto la doccia a guardare un film o beh non mi fate continuare altrimenti potrei avere problemi o litigi.
  • Dopo la scrittura del post per il giorno seguente di norma segue la pubblicazione di quello scritto il giorno precedente che è stato revisionato in mattinata.
    Questa procedura comunque richiede nuovamente del tempo da parte vostra perché consiste nell'atto di postarlo su tutti i canali social network e media che avete a disposizione e che pur se automatizzato necessita sempre di un intervento umano da spendere sia in termini di tempo che di un minimo di presenza cognitiva ovvero la banale attenzione e concentrazione(trattasi infatti di un processo di semi-automazione).
    La macchina fa ma lo vostra mente pensa e glielo ordina di fare...!Per gli scenari alla Ridley Scoot c'è ancora da aspettare....
  • Durante la stesura del nuovo post e post pubblicazione di quello precedente a cavallo dell'attività di studio ed analisi dei contenuti dopo la filtrazione e scrematura delle fonti raccolte in ore ed ore di navigazione pregresse si progetta quella che sarà l'architettura di quello successivo e che scriveremo detto banalmente Domani.
    Quest'ultima consiste nel pensare allo svolgimento dato dalle fasi che costituiranno l'articolo quindi lo style, le unità di senso divise in introduzione--ipotesi--tesi--conclusioni riflessive(le ultime tre unite danno il significato semantico del post) che ho già trattato in Anatomia di un post ma anche di ricerca di un'immagine metaforica o già realizzate o da realizzarsi che incarni il significato/senso che l'articolo deve dare al lettore.
    Trattasi questa di un ulteriore attività che sfocia quasi nella grafica basti pensare a quanti significati metaforici e perciò funzionali nel web può dare un'immagine per un Blog come per esempio catturare l'attenzione, aumentare la profondità di analisi, aggiungere senso, creare contraddizione ecc.
    Inutile aggiungere che coloro che desiderano crearsi le proprie immagini non esiste ancora il software che disegni ciò che la vostra immaginazione vorrebbe perciò di solito spendo un'ulteriore mezza oretta che avrà ripercussioni sulla slittamento del piano di lavoro quotidiano.


 CONCLUSIONI 
Pressapoco ho enucleato ciascuna fase e anche se non ho approfondito ciascuna adesso avete idea di quale sia la mia giornata di lavoro e grossomodo come funziona; trattasi di una quotidianità piena è un processo di lavoro molto creativo e perciò di riflesso anche molto stressante!

Se siete amanti del tempo libero o deboli di cuore il fine settimana è sacro e il vostro mestiere finisce all'ora prestabilita con precise fasce orarie probabilmente è meglio che vi orientiate su un modo di fare blogging diverso come scrivere come con un ritmo molto allentato o per approfondire altri temi. Insomma lo scopo di questo post non è allontanarvi dalla scrittura o scoraggiarvi bensì dal rendervi coscienti proprio perché questo non accada.

Una breve parantesi poi sull'aspetto emozionale della questione prima di chiudere e che consiste sulla condotta che ho adottato dall'inizio dell'attività di questo Blog ed il messaggio che essa ha prodotto di riflesso scusandomi e garantendovi che si tratta solo di una fase della mia vita oramai trascorsa..

..questo  perché esso è nato sui cadaveri di persone che hanno cercato di uccidermi e un'altra parte di antonio è morta ma io nel frattempo tanto per cambiare mi sono trovato con lo spiacevole e dolorosissimo compito di ucciderne il ricordo e vi garantisco che non è stato affatto facile!

Un'immenso dolore mi pervade... ogni cellula del mio corpo né è stata e lo è tutt'ora avvelenata in metastasi....Ma la mia è stata una richiesta di aiuto estrema ricercando lo scontro per far assumere le responsabilità a coloro che non se le prendevano e nel frattempo si godevano immeritatamente i miei meriti.....ero consapevole che fosse un modo disperato e che ne avrei pagato le conseguenze ma cosa deve fare una persona onesta per avere ciò che gli spetta e che gli è stato rubato?

 A chi può rivolgersi quando tutti si voltano dall'altra parte per tutelare la mafia ed il loro mero interesse personale?

Prima di intraprendere questa strada penalizzante solo nei miei confronti ho vagliato le poche possibilità che avevo a disposizione e pur conscio di sporcare ciò che stavo facendo e di rendermi nuovamente vulnerabile alla mercé dei tanti furbetti italioti mi sono preso anche questa responsabilità temendo il peggio ma con il coraggio della mia dignità da troppo tempo offesa da una vita sottratta... e pseudo pronto a lottare e a rimetterci tempo e salute l'ho fatto lo stesso!

Questo perché so' di rappresentare per il mio prossimo più vicino e la comunità solo un miglioramento della loro esistenza e qualità della vita e non una minaccia ed è insostenibile scendere a patti dopo una vita trascorsa così da adulti con un sistema che mi offre solo un'avvenire di accettazione e solitudine per la gioia di pochi incapaci.

La mia poi non è neanche una richiesta egoistica in quanto è di riflesso che vive la mia anima di essere umano la quale se gli altri stanno bene solo così riuscirò a stare bene me' medesimo!

Questa è la mia idea di comunità e sociale e non credo certo che possa essere accusata di essere utopica né tanto meno irrealizzabile figuriamoci poi se distonica!

 E' arrivato il momento di svegliarsi e prendersi ciò che ci spetta e comportarsi come è giusto fare!Se bisogna voltarsi dall'altra parte è per generare dissenso e ignorare coloro che si comportano male come stanno facendo adesso attuando la politica dell'interesse e dell'intrallazzo solo per il loro torna conto personale dovuto al fatto che essi sono degli incapaci immeritevoli!

Fortunatamente questi tempi di lavoro tornando al mio caso hanno creato una sorta di effetto placebo inducendomi a non pensare distruttivo e ad agire costruttivamente ma ciò non mi ha sottratto dalla morte inflittami e dai gravi danni arrecatemi da questo sistema omertoso e mafioso che non ha bisogno di premere il grilletto per uccidere.

Forse i morti rendono palese la loro responsabilità ragion per cui li chiamiamo assassini altresì raccontati come coloro che ad opera della propria mano attuano la morte e la realizzano..

..ed è questa probabilmente la ragione per cui tali soggetti che uccidono l'anima vigliaccamente non lasciando traccia della morte stessa non solo non sentono alcun peso delle proprie azioni ma rimangono addirittura impuniti;

che essi siano maledetti della stessa maledizione che inducono all'uomo di buona e sana volontà per sempre!!