Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

lunedì 28 aprile 2014

E-Tutor: Competenze Soft Skills

Tutor online competenze abilità soft skills e-tutor Web
www.cypher13.com
Lungi da me il bisogno di citare chi scrisse anni fa un testo dal titolo simile (E-tutor: identità e competenze) ed evitatavi l'immane sofferenza di ricordare una sintassi le cui ansie principali puntavano verso alla regolarizzazione di questa figura professionale e confermato oltre che alla noia tipica degli accademici l'insostenibile pesantezza dell'essere che deriva dalle scelte irresponsabili di costoro in merito tra l'altro facilmente e disgraziatamente constatabili data la vicinanza geografica tra parentesi Firenze poi Via Laura ed infine la Facoltà di Scienze della formazione li allocata possiamo passare a parlare di ciò che invece rappresenta questa meravigliosa modalità lavorativa (online tutoring), di quali processi si occupa ed infine dell'attuale stato dell'arte che detto in altri termini corrisponde alla situazione in cui ci si trova ad operare in qualità di tutor online.
Nelle mie recenti attività come in talune che le hanno precedute mi sono trovato spesso ad avere necessità da dover fare tutoraggio per vari motivi ad un cospicuo numero di utenza sia targettizzata che eterogenea e posso affermare di essermi sempre dovuto arrangiare.

L'arco di tempo in cui ho esperito diverse modalità strategico-amministrative applicata a molteplici prodotti online-Web è all'incirca di tre anni e mezzo che tendono oramai a 4 ed ha spaziato dai social media ad altri tipi di ecosistemi digitali.

Per quanto sia sempre riuscito a trovare nel tempo soluzioni piuttosto creative e diciamo originali tipiche dell'arte di arrangiarsi atte a sviluppare riduzioni della complessità relative alla curva di apprendimento da parte dell'utenza sino al conseguimento di una possibilità di intervenire sull'azione sul processo formativo sempre più fine sia Just in time che attraverso soluzioni asincrone con buoni anzi forse posso dire tranquillamente ottimi risultati raggiunti come intervento sul livello di criticità vi sono molti punti su cui desidererei che le Corporation Informatiche almeno quelle più grandi ed importanti intervenissero:

  • Ufficializzare l'E-Tutor: questo servizio all'interno delle piattaforme necessita di un riconoscimento non necessariamente di stampo economico ma di autorship e di possibilità superiore rispetto all'utenza-membri fidelizzata.

  • Accessi multipli-gerarchizzati: L'amministratore dev'essere nella possibilità di poter accedere agli account dei membri attraverso modalità che non comportino alcuna violazione della Privacy di questi ultimi ma che gli consentano di intervenire sui processi-passaggi tecnico informatici.

  • Canali Comunicativi: fornire almeno per gli utenti che svolgono il ruolo di Admin gratuitamente un canale di comunicazione istantanea come per esempio almeno una chat dedicata solo alla risoluzione problemi.

I passaggi che ho appena citato sono solo i più importanti che ritengo basilari per una riduzione di un altrimenti arcinoto divide informatico che di riflesso si ripercuote negativamente anche e soprattutto sul business dei servizi informatici.

A limite la soluzione potrebbe essere inglobare le piccole realtà che sviluppano applicazioni e software che si inseriscono in queste falle relative i servizi e lasciare sempre aperte le modalità a pagamento per utenti privati mentre potrebbero sviluppare per amministratori tools specifici o con minori aperture.

"Le difficoltà che si incontrano durante il tutoraggio online sono molte in quanto si scontrano contro i vari livelli di expertise e di alfabetizzazione informatica dell'utenza per queste ragioni un Tutor ha anche responsabilità da Admin e la figura professionale risulta assai ben più complessa ed evoluta rispetto a quella che lavorava quando i Network ancora non erano total Web.

Inoltre oltre che a rendere possibile l'accessibilità e la Web Usability di un dato ecosistema digitale vi è anche il difficilissimo compito del conseguire il livellamento distribuito dei fidelizzati sino al conseguimento attraverso il fading progressivo da parte dell'e-tutor di un livello di indipendenza capace di renderli autonomi ed indipendenti.

La tenacia purtroppo per quanto sia una qualità indispensabile in questa attività in molti casistiche non è sufficiente e per il tutor online dopo aver prodotto magari un numero pari a sette email è molto frustrante e dispendioso oltre che molte volte esposta la rischio di risultare non efficace!

La Curva di apprendimento è un processo molto delicato già in presenza figuriamoci se all'assenza si aggiungono le complicazioni della mancanza di strumenti e tools specifici e dedicati che alla frustrazione aggiungono anche un notevole senso di impotenza sull'azione sul processo formativo specie quando questi mezzi-strumenti sono disponibili.

Questo servizio online altrimenti diviene un lavoro faticosissimo sempre in bilico con il rischio di fallimento e dispersione che gioca sul filo del fuorigioco dato dal rischio di incomprensione; per esempio alle volte utenti molto validi non capiscono ed il risultato che si consegue è il fraintendono dei servizi o delle istruzioni proposte e spesso essi vengono persi.

Non giudicare questo un fenomeno di dispersione lo ritengo al pari di un autogol per le aziende informatiche che devono ritenere questa tipologia di criticità al pari delle casistiche relative alla cattiva usabilità Web sulla quali invece intervengono a sommo studio e perciò da ritenersi una leggerezza assai cara e dispendiosa sia in termini di risorse che di energie profuse sia da parte chi genera il servizio che di chi poi lo amministra e lo gestisce.