Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

martedì 12 agosto 2014

Ken Robinson : cambiare i paradigmi dell'educazione made in Italy

Quando ho visto e al contempo ascoltato per la prima volta quelli che presumo essere i contributi più importanti di Ken Robinson la mia prima reazione fu un sospiro di sollievo paragonabile alla prima volta che identificai con il nome di depressione quel terribile male che mi affliggeva sin dai primi bagliori dell'età della ragione.
"...peccato che all'essere sociale contemporaneo non sia sufficiente essere consapevole per salvare la pelle e che il giudizio collettivo abbia una valenza direttamente proporzionale alla solitudine imponibile...a cui bisogna  inoltre aggiungere la sentenza che taluni valori culturali per essere assimilati dall'immaginario ci vogliono in Italia mediamente almeno cinque lunghi anni....
Quindi non è difficile capire che non si tratti di una questione di pessimismo cosmico se alla voce innovazione e cambiamento corrisponda solo uno scadente e poco promettente slogan politico.



Oltre a denunciare l'inadeguatezza del sistema educativo contemporaneo realtà oramai ben nota da secoli e quindi auto-esplicativa e desumibile dai risultati che si palesano senza sforzi statistici di alcun genere è assai più importante e difficile avanzare delle proposte per una riforma o ristrutturazione/ ri-progettazione del sistema educativo formalizzato.

E' talmente assurdo che la parola più idonea da usare per indicare la situazione nel nostro paese è che trattasi di una vera e propria Sfida.....

Il video che ho postato risale al 2010 ; se non altro possiamo constatare che un aspetto fondante del nostro paese sia rispettare la tradizione finché morte non ci colga e che a suon di governi l'istruzione è resistente alle riforme più dei peggiori virus letali.

Ciò che maggiormente mi sorprende è che il un periodo di riforme che mirino al cambiamento non si sia partiti come era lecito aspettarsi seguendo i modelli dei paesi della comunità europea principiando proprio dal sistema istruttivo.

Per converso analizzando la situazione attuale l'aggravante è che nel nostro paese non solo non esiste un sistema educativo pertinente ed adeguato ma che esso costringa proprio a non ragionare e a non essere liberi di pensare.

Tempo fa' già scrissi un post sulla questione della istruzione formalizzata attuale e sulla mia personale visione riformista che prendeva appunto il nome di sistema educativo attitudinale ; dopotutto come potrei resistere ad approfondire un argomento così basilare in un periodo così riformista...?