Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 1 agosto 2014

Open Networker Vs Closed Networker

LInkedIN lavoro network networking
www.foggiaweb.it
Prima di iniziare a scrivere non ho intrapreso il medesimo rituale da blogger che sono solito infliggermi inserendo a ragion veduta una sorta di training autogeno per non essere di parte.

Già questo modo di principiare confessa una certa sentenza di giudizio il che vi porta dritto al cuore della questione...purtroppo per me è un ritornare da punto e da capo tradendo la mia voglia/desiderio iniziale di imparzialità.

Ebbene si ritengo senza ombra di dubbio di essere stato cresciuto e di essere ancora circondato solo da individui che nei loro ruoli professionali e nelle loro carriere sono stati e continuano ad essere alcuni sino ai giorni della pensione altri adesso all'inizio del loro percorso professionale e quindi sin da subito dei closed networker.

Ma costoro chi sono e cosa li contraddistingue? 

Perché lo fanno?

Da quale parte è meglio schierarsi per la serenità della propria esistenza personale/professionale?

Mi piacerebbe essere felice di tutto ciò e rallegrarmi del presente che mi è stato offerto e casomai al par di taluni ritrovarmi oggi a leccare i preziosi tornaconti standomene a rimirar l'orticello personale come non esistesse alcuna disparità...ed invece.....

La Questione ed il Dilemma:

Se essa non esistesse e fossimo tutti egoisticamente appagati e soddisfatti qual'è la ragione allora del risentimento? 

La troppa serenità? 

Forse il sapere che al mondo vi è un posto per ciascuno di noi per lo meno per sopravvivere con dignità è la ragione dell'indignazione risentita nazional-popolare?

Come avrete capito oggi visto anche l'incalzare del fine settimana con il suo fare giustamente e meritatamente si spera rilassante non è il giorno di fare differenze tra le due categorie protagoniste di questo post e rimandare il famigerato elenco puntato oramai divenuto un classico quasi irrinunciabile....diciamo che scaldiamo i motori...o forse è più giusto usare un: incendiare le coscienze?

Ecco appunto quale tono/registro comunicativo può essere usato ed è più adeguato per fare ciò? Per lo meno esso esiste? (commentate e fatemelo sapere)

Forse vi è una nobile ragione per Tutto?

Prima di chiudere però voglio aprire la prospettiva e mettere a fuoco probabilmente la radice di questo bivio/scelta da cui dipendono molte carriere professionali ed i relativi network e e chiedervi attraverso i commenti la vostra opinione in merito a questa domanda che mi sono posto: ovvero se è probabile che la ragione per cui un professionista decide di chiudere le proprie competenze e chiudersi nei confronti della condivisione sia dovuto piuttosto alla imperante e sempre presente non meritocrazia e l'abitudine al furto di merito e sottrazione illecita di idee e creatività presente nel nostro paese e alla non tutela delle vittime o invece è imputabile alla ben nota ed atavica banale avidità ed alla egoistica e sempre verde sete di potere soggettiva e prepotenza da autoaffermazione?


*Un Post scritto qualche mese fa' sulla tematica : "Differenze tra Open Networker e Closed" ebbene si urge al più presto un aggiornamento...