Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 14 novembre 2014

Studi Umanistici - Formazione : Scienze della formazione 3.0

UniFi- ST-UMANISTICI scuola di studi umanistici e della formazione Firenze
www.abruzzosviluppo.it
Una vocina nella mia testa continua a ripetere non è necessario... non è necessario che tu lo faccia eppure sento comunque il bisogno di farlo come una sorta di prurito cui il medico esorta a non grattare per via della medicazione troppo recente ma dal quale proprio non si riesce a rinunciare di grattarsi anche assai violentemente.

Ancora, mi sono ripromesso di non avere un tono critico ma sempre volto all'essere ed all'agire costruttivamente anche se poi quando sono scaduto nella critica non mi sono mai fermato alla dimensione troppo facile tesa a distruggere ma ho sempre proposto delle alternative oltretutto senza peccare di superbia piuttosto valide almeno fino a prova contraria o a chi invece sputa sentenze fetenti abbandonandoci per contro nei paludosi golfi dell'inutilità.

Era 3.0

Ma è acqua passata oggi si è già aperta dinanzi a noi una nuova era della formazione e della comunicazione quella del: Web 3.0 quindi lasciamoci alle spalle inutili zavorre e le litanie tautologiche e proiettiamoci nel futuro.

Tornando al principio, quindi, per amore della disciplina sento la necessità-obbligo di meglio contestualizzare il quanto vasto ambito delle discipline attinenti alle Scienze della formazione in quanto nonostante le abbia conosciute piuttosto da vicino il livello istituzionale si ferma a definirle come una pletora di discipline sparse ed ammucchiate quasi a casaccio la cui matrice dovrebbe essere più o meno di stampo umanistico ma che poi alla fine si rivela avere a che fare prettamente con i defunti e seppelliti studi classici invece che essere utili a risolvere le importanti ed imprescindibili questioni del presente.

Oltretutto a rincarar la dose si aggiunge la distanza abissale tra teoria e pratica ; nonostante lo sforzo tra paranoici per edificare qualche corso di studi tecnico rimane sempre un affare del passato arretrato e fuori dall'esistenza/mondo.

Un peccato sicuramente in quanto un settore così onnicomprensivo potrebbe raccogliere sotto il proprio cappello discipline utili quanto spendibili e se ciò non avviene non è certo imputabile agli studenti.

Anni di piombo...anni in formazione

In svariati anni di formazione nella mia città ho sempre assistito ad una de-responsabilizzazione continua delle Istituzioni le quali però certo non si esimono dallo scaricarle sulla spalle di altri che purtroppo coincidono di norma con i cittadini.

Ritengo che questo sistema sia oltremodo infantile e ingiusto profondamente in quanto è un diritto dei cittadini potersi migliorare per aspirare ad un esistenza più edificante e di maggiore soddisfazione e perché ciò avvenga è inevitabile che vi saranno delle difficoltà sparse nel percorso come deve esserlo il compito delle istituzioni di agevolarle, smussarle ed inasprirle e non di costituire il perfetto contrario.

Ovvero un'altra difficoltà che si aggiunge alle difficoltà reali la quale diviene però ostacolo non superabile in quanto non strategicamente risolvibile.

Appunto è necessario partire dal punto fermo che proprio coloro che hanno più bisogno devono sentire il sostegno di tali organizzazioni-istituzioni e non chi ha già la pancia piena e se ne avvantaggia per fare ancora meno in nome solo del proprio interesse personale.

Un nuovo corso?

Anche se morivo dalla voglia di elencare le discipline che mancano alla Scienze della Formazione recentemente divenuta nella Università degli studi di Firenze : Scuola di Studi Umanistici e della Formazione mi sono ricordato che l'ho già fatto in precedenza anche se mi sono limitato ad un solo corso di laurea magistrale nella fattispecie quello di Progettista della Formazione perciò non mi rimane altro che ripetere che le tecnologie sono alla base di questa nuova era che ormai ha già compiuto il transfert per necessitare di figure specializzate piuttosto nella conoscenza del codice che su qualche inutile ricerca pedagogica.

Infine anche i corsi di sociologia cambiano poco per un settore per cui a prescindere dal lignaggio e dal retaggio il talento trascende la capacità riflessiva e si trova allocato solo nei cuori che si sa' non si costruiscono certo a scuola.

 Conclusioni 

Quindi anche se gli scettici continuano a coprire il ceruleo cielo del futuro prossimo col grigio plumbeo dei propri dubbi insistendo sull'apocalisse dei formatori tutto codice e niente cuore questo blog è la dimostrazione lampante che non sono divenuto né più umano di prima né tanto meno  altruista e generoso....già forse solo un po' più inacidito ma che ci volete fare colpa dell'essere venuto su' a pane, punizioni e zuppe.

Ci tengo a ricordare che è proprio quest'ultimo altrimenti detto "il Cuore" il legante-collante di tutte le discipline che costituiscono le Scienze della formazione ed i relativi studi umanistici da sempre..e che il business di questo settore per ripartire deve farlo proprio dal capitale umano.

Infine sempre per non dimenticare: il comune denominatore di questo settore delle Scienze è sempre l'uomo, posto al centro, senza fronzoli ed alcuna forma di selezione pregiudizievole e limitante.