Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

martedì 23 dicembre 2014

Progettista della Formazione : identità e successo!

formatore formazione progettista della formazione
A mio avviso quando in un paese moderno si finisce per giustificare l'ambito di azione di una certa professione è sintomo di qualcosa che proprio non va'...poi che dire essere degli inguaribili romantici non è certo una discriminante nei confronti della condotta che ho tenuto in qualità di blogger su questo canale.

Eppure è successo e continua ad accadere e questo è il colmo in un paese in piena crisi da stato di riforma permanente con le sue litanie continue sull'innovazione e le mancanze ovunque si butti lo sguardo.

La mia idea sulla professione del Progettista della Formazione ritengo di averla esplicitata assai chiaramente; vi chiedo per lo meno di apprezzare lo sforzo che ho dovuto compiere in questi ultimi due anni per non fermarmi alle fredde quanto non conclusive critiche ma soprattutto per uscire dallo stato di paralisi che questo sistema socio-culturale impone anche solo implicitamente.

Sarà che è tempo di chiudere un anno e di aprirsi versus quello nuovo che ho sentito la necessità di stringere il percorso compiuto se non altro facendo riferimento a quello relativo alle competenze visto il senso di identità della voce di questo Blog e vedere in cosa poi è finito per incontrare analizzandone le convergenze o le presunte ambizioni che maturavo qualche tempo fa' in merito alla professione appunto del Formatore.

Quando mi approcciai inizialmente al 'mondo del Web' non avevo le idee molto chiare se non una sensazione forte e precisa di essere consapevole che suddetto ecosistema rappresentasse il futuro nonché il presente per la realizzazione di ciò che avevo in mente, ovvero: traghettare questo ambito professionale nella modernità a dispetto di tutto ciò che mi circondava che ricordo non è morto ma resiste al pari di una malattia assumendo le medesime forme truffaldine che ha sempre acquisito con lo scorrere lento del proprio orologio biologico così a passo di zombie che al cospetto i tempi biblici sono da considerarsi al pari del fatalismo di un attimo.

Insomma roba di quando il destino se ne frega di tutto ciò che avete faticato sino a quel giorno per 'essere' e decide di farvi fuori al pari di una sveltina esistenziale.

Questo 'fiuto' per le cose non è certo una capacità che mi rende speciale se non altro però contrariamente a come si potrebbe lecitamente credere mi ha creato più dispiaceri che gioie nella fattispecie nella fottutissima città di Firenze in cui ho avuto la sfortuna di nascere e finirci per vivere troppo a lungo; probabilmente non esiste ragione alcuna per questo scempio morale ma alla fin fine mettere la testa nel futuro mentre i piedi vivono ancora rimasti nel passato non deve farvi mai trascurare dove rimane il 'kulio' poiché il tutto per voi si può ridurre in pura zavorra esistenziale che all'utile corrisponde ad una esistenza piatta ma comunque piena di guai.

Detto ciò non voglio certo concludere nell'inutile piagnisteo lamentoso bensì facendovi presente che ritengo di aver appena gettato le basi per la professione e che ho intenzione di andare avanti anche se come sempre non so' esattamente 'il come' ma altrimenti a cosa servono gli anni che finiscono ed i blog se non per mantenere un legame che funge al pari di una sorta di promessa con i propri followers?

Buon Natale e Buone Feste!