Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

lunedì 15 giugno 2015

Anatomia dello schema narrativo di un Post

blogging blogger blog web writing
Fonte Foto




La trama di un post non è certo una parte poco importante a cui non dedicare particolare attenzione. Ciascun autore-blogger ha la sua, taluni emulano, altri sono più originali; unico punto fermo da cui non si può prescindere e che ciascuno debba seguire uno schema narrativo.

Lo schema narrativo: il pensiero del blogger si fa' testo
Quest'ultimo è come una sorta di mappa mentale dell'autore che ha l'incombente compito di rendersi comprensibile ai lettori attraverso il media testuale; perciò, sia che siate fanatici delle schematizzazioni che non la vostra attività riflessiva dovrà passare presto ad una fase di sintesi da cui poi avrà origine, infine, uno schema narrativo.

Semplificazione e consequenzialità logico deduttiva-induttiva saranno le capacità alla base della stesura del post in cui di norma si principia con un'ipotesi e si stringe, infine, con una tesi.

Tutto ciò tenendo conto della lunghezza del testo (da mantenersi ridotta al massimo) a cui si aggiungono i sacri vincoli della Web Usability in virtù dello sforzo cognitivo necessario da parte dell'utenza per la lettura.


Le fasi dello 'schema narrativo' di un Post

  • Introduzione: come in ogni storia che si rispetti ad una buona 'intro' corrisponde la fase in cui si intrattiene il lettore, spesso, con un tono discorsivo ed in prima persona si è soliti fare una sorta di monologo interiore pseudo-riflessivo; è bene scriverla pensando che il lettore potrà saltarla agevolmente (a sua discrezione) non condizionando la comprensione finale del testo.
  • Svolgimento: costituisce la parte centrale del post in cui si approfondiscono gli aspetti salienti del contenuto, necessaria, per introdurre il 'Focus-core' dell'argomento; perciò è opportuno scriverla con perizia tecnica ed attenzione.
  • Focus-core: è il senso-significato del contenuto la cui interpretazione è quanto più possibile: oggettiva. Ovviamente è la parte più importante del post che corrisponde al 'messaggio' che l'autore-blogger intende trasmettere all'utenza al fine, solitamente, di soddisfare la sua aspettativa.
  • Citazione: (in verità trattasi di una sotto-categoria) molti blogger usano questa metodica per rendere virale il proprio contenuto attraverso un Tweet io, invece, preferisco assuma il senso di una definizione di sintesi conclusivo-concettuale rispetto al testo esposto nelle fasi precedenti.
  • Conclusioni: è il senso-significato dell'autore la cui chiave di lettura perciò è di natura soggettiva.
  • Call to action: di norma si invita i lettori a partecipare confrontandosi attraverso i commenti.


 CONCLUSIONI 

Ragionare schematicamente seguendo una verticalizzazione del pensiero è una buona soluzione per pulire le vostre attività riflessive, donandogli l'essenza, da riportare nei contenuti dei vostri post.

Le utenze vi ringrazieranno in quanto avranno modo di leggere 'prima con l'occhio che con la mente' , poiché, farete leva sul sacro principio della omologazione di un modello attraverso l'emulazione di quello più diffuso Online e perciò applicato dalla maggior parte dei blogger.

Per il momento, in alcune professioni svolte Online, vi sono alcuni principi che se emulati non rendono poco originali, bensì, assai professionali!