Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

martedì 7 luglio 2015

Scrivere per un blog equivale a rendere i concetti difficili facili da capire

blog comunicazione formazione
Fonte Foto


Una domanda che mi sento fare spesso è :

"Quale registro comunicativo ritieni più opportuno si debba tenere per appunto comunicare attraverso il blog?


Eppure non dovrebbe essere così difficile, basti pensare, a tutte quelle volte in cui vi siete trovati ad interfacciarvi con qualche branca del sapere di cui non siete specialisti/specializzati.

Il sempre valido principio della non comunicabilità
Temo ne converrete che nello specifico caso appena sopra riportato sia, ahimè, un dato di fatto che le difficoltà si accumulano sin dalla comprensione basica del vocabolario specifico...

..purtroppo le cose non migliorano certo con il dipanarsi delle definizioni, delle cornici teoriche e di quelle concettuali; roba da far venire l'emicrania.

A mio modesto modo di vedere la soluzione della questione ruota intorno al legame tra comunicazione e formazione le quali attraverso il blog trovano non solo un punto di incontro ma la possibilità di esprimersi in una modalità quanto meno unica tra i registri comunicativi.

Ovvero quella che si applica nel semplificare, esemplificare e quanto più possibile esplicitare effettuando continue e progressive riduzioni delle complessità sulle sintassi della letteratura afferente agli specifici settori disciplinari.

In altri termini trattasi di rendere accessibile la conoscenza o come va molto di modo adesso a renderla usabile.

Il Web è collaborazione/cooperazione
E' evidente che siamo dinanzi ad un processo innovativo che fa' della collaborazione la chiave per lo sviluppo della conoscenza e della sua distribuzione orizzontale la matrice di una nuova era della formazione che si fa' sempre più distribuita, possibilmente aperta e planetaria.

Perciò penso che ne conseguirà nel tempo, neanche tanto prossimo, una progressiva evanescenza dei sistemi tradizionali 'chiusi' ai fini istruttivi-educativi-formativi anche se questo è un altro discorso.

Una questione di Registri comunicativi
Se proprio non sapete da che parte rifarvi quando vi ponete il problema su quale stile usare per approcciare all'arte del praticare del sano blogging pensate a semplificare, ovvero, a creare progressivi livelli di comprensibilità che riducano la difficoltà di interpretazione attraverso la ricerca di un proprio linguaggio che converta i livelli comunicativi da complessi a facili.

Ovvio che il vocabolario della professione potrà rappresentare sempre una difficoltà per l'utente non specialista ne specializzato ma sul Web e con il blog il problema rispetto alla lezioni frontali si risolve facilmente e brillantemente attraverso l'uso dei link ipertestuali di approfondimento.


 CONCLUSIONI 

Pensate a  rendere la letteratura che intendete erogare attraverso il vostro blog, strumento utile alla trasmissione della conoscenza, il più possibile esplicitata : sempre e comunque!

...E renderete non solo accessibile la conoscenza ma contribuirete implicitamente ad espanderla.

Una nuova 'era per la formazione', finalmente, si è aperta e non è una contraddizione in termini sostenere che sia la fine di quella una volta 'chiusa' ed, oramai, sempre più obsolescente.

Curare un blog è, innanzitutto, un atto di onestà intellettuale; la prova manifesta della vostra forma mentis nel ruolo che assurgete come persone ancor prima che come professionisti:

"non ci si inventa aperti, non ci si finge veri quando si è dei fasulli!

Perseverate e i risultati arriveranno e non saranno solo di stampo comunicativo!