Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

sabato 21 maggio 2016

Aspettative da Blogger

blogger blog blogging

Scrivere, scrivere ed ancora scrivere non è solo il leitmotiv di ciascun blogger ne' una litania che mi accompagna durante tutte le operazioni di routine mattutine prima di sedermi dinanzi al monitor ed iniziare a battere i tasti di una tastiera bensì è da considerarsi al pari di una religione magari più vicina al buddismo con la disciplina delle sue recite piuttosto che con il praticare il credo cristiano.

Blogging non solo scrittura

Giustamente me lo ricordava anche il prezioso commento da parte del mio collega blogger +Andrea Toxiri  aKà +Mr Tozzo  che recita così proprio stamattina:




Peraltro, ieri abbiamo parlato prima di toni e registri comunicativi su Pulse poi delle differenze tra avere o meno un blog per un web writer - blogger e tutto si riconduce sempre al medesimo punto di origine ovvero a costo d'essere ripetitivo:

alla scrittura ed alla sua pratica mirata per la cura di un blog.


Ci ho scherzato anche su rievocando il famoso proverbio anglosassone rimaneggiato ad hoc:

"An post a day keeps the doctor away

proprio per enfatizzare la costanza di pubblicazione appunto vista come importante tra i punti cardine del fare blogging al fine di incrementare i followers attraverso una chiave di lettura vuoi più ironica e divertente volta anche a sdrammatizzare il carico di lavoro/ sacrificio che curare un blog impone e comporta all'autore-blogger in virtù della funzione catartica della scrittura la quale può divenire addirittura terapeutica praticandone e perpetuandone l'esercizio costante e duraturo nel tempo.



Esiste un fattore X nella professione del blogger?

La questione che intende indagare questo post alla fine dei conti è proprio questa;
piuttosto che le aspettative che si attende il blogger viceversa sono quelle attese da lui nel qual caso lo si ingaggiasse per scrivere per noi, il nostro business e per l'ancor più prezioso brand.


La domanda che mi pongo è un proseguo del post di +Riccardo Scandellari di skande.com che parla della figura del blogger professionista enuclea i punti fondanti nonché salienti del far blogging ed apre uno scenario presente che ha tutti i presupposti per farne una professione sia richiesta che di successo da parte del mercato del lavoro.

blogging successo morte professionale blog blogger


Per guardare nell'avvenire si tratta di trascenderli (i punti salienti) perciò per un attimo e viaggiare nel tempo per vedere il futuro attraverso il presente iniziando ad agire sin da subito e fare del blogger lo specialista di cui tutte le aziende non potranno certo più fare a meno!





Quindi, cosa mi aspetto da un blogger?

La risposta è una figura creativa a tutto tondo e fuori dall'ordinaria tipologia di testo edulcorato da canonica pagina web; insomma qualcosa di diverso a livello comunicativo che sposti la sua attenzione da dover necessariamente fare colpo o attrarre con l'utilità dal conseguirla comunque ma a patto di riuscire anche ad intrattenere, divertire, rendere onore alle cose serie pur non prendendosi seriamente.


comunicazione blogging blogger blog

"Solo con l'immediatezza della comunicazione non si potrà scendere a compromessi anzi essa sarà sempre da ricercare e tentare di ridurre sempre più in nome della velocizzazione nella veicolazione del 'messaggio'.





Cosa voglio vedere
 Estro comunicativo che faccia rima con registri comunicativi, inusuali ma dal piglio dannatamente efficace. 
☑ Capacita creativa nell'uso promiscuo testo + immagini + multimedia magari con storytelling originali e tanto per intendersi niente immagini a pago troppo vaghe e così spesse volte distali dal "core" del post, troppo metaforiche in cui l'aspetto critico è insito nel fattore interpretazione oltre che poco sexy per l'utente da social media. Sorvolo sul flat design così utile per l'usability così inutile per le cacofonie.
☑ Conoscenza tecnica avanzata dello struttura-schema di un post e capacità nel generare call to action dall'impatto unico ed originale.
 Aggiornamento continuo.
Stile eclettico asseconda dei canali usati vuoi social media, social network, più blog, ecc. 


Cosa non voglio vedere
 Errori tecnici da usabilità (grassetto a caso, gerarchizzazione titoli : sottotitoli  inesistente, gestione spazi, ecc.)
☒ Stagnazione creativa ed uso di un mono codice comunicativo.
☒ Replicare i colleghi blogger nelle modalità comunicative e registri generando un conformismo di fatto sterile e piatto.
 Produrre contenuti seriali stereotipati con il medesimo timbro comunicativo anche per ciascun canale usato.
 Adottare il mono linguaggio imperante da promo auto-referenziale o ancora peggio il tono of voice onnisciente da guru.


PMI blogging blog blogger web writing

Eh si in futuro ne vedremo delle belle in fatto di contenuti, il content marketing è solo l'inizio e i blogger vivranno un avvenire prodigo e fiorente...

Okkei forse mi sono fatto prendere la mano un po' troppo ma in questo caso non si tratta di essere troppo ottimisti o di sbilanciarsi in pareri da futurologo di norma quando una inversione paradigmatica è in atto vi è sempre stata necessariamente aria di grandi cambiamenti a seguire dopotutto il web è un media assai giovane che però in poco meno di un decennio ci ha mostrato bene di che pasta sia fatto e cosa aspettarci in futuro, un futuro peraltro che presto muterà addirittura dimensione.

Quindi chi ha un blog dovrebbe pensarci bene e fare le sue opportune valutazioni mirando all'adesso in un periodo storico in cui le tecnologie non fanno in tempo ad affermarsi che corrono il serio rischio di essere dichiarate già obsolescenti.

E poi non si dice che chi mena prima meni due volte? (io le ho sempre prese)


blog blogging blogger web writer


CONTATTAMI



(Post scritto con l'intento di offrire esclusivamente stimoli ogni cosa e fatto con riferimenti formativi è da ritenersi come puramente casuale)