Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

lunedì 29 luglio 2013

Le Idiosincrasie di Facebook: i GRUPPI

Le Idiosincrasie di Facebook i GRUPPI
Gruppi Facebook questi sconosciuti...mi verrebbe da recitare...inutile nascondere la tendenza dell'utenza a trascurare questo potente mezzo oramai delegato a tette e culi fans club o altre raccolte di proseliti con obiettivi più o meno dozzinali.

Questa realtà ci offre uno specchio degli umori e della perspicacia dell'utenza ma anche uno spaccato per niente trascurabile sull'efficacia dei tutorial e dell'informazione  delle corporation inerente i servizi che offrono.

Invece la situazione che deve far riflettere è la gestione tecnica di Facebook inerente i Gruppi...esemplificando: che spiegazione offre la corporation alla scelta di bloccare al raggiungimento  di 250 il numero massimo di membri la funzione "visualizzato da"?

Pur potendo comprendere una risposta di stampo tecnico relativo alla difficoltà con  gruppi con un alto numero di membri essa può giustificare il totale disinteresse verso i gruppi che forniscono servizi per cui è indispensabile avere una controprova delle proprie azioni?

Nel caso di un gruppo di apprendimento che supera un numero così basso di utenti perché non prevedere un implementazione opzionale?

Queste osservazioni e conseguenti punti di domanda mi fanno interrogare sulla direzione di sviluppo o per meglio dire sulla Vision che l'azienda di Mark Zuckerberg ha intrapreso.

Anche se comprendo benissimo la necessità di vivere di pubblicità (non trattandosi più di sopravvivere) perché non avere un' attenzione più capillare verso il vero capitale motore dell'azienda sintetizzabile in due parole : il CAPITALE UMANO?

Potrei fare solo supposizioni pur riconoscendo alla parola supposta verità l'utilità che la contraddistingue ne avanzerò solo alcune:

  • Facebook è conscio che il vero capitale di un social network è il Capitale Umano?

  • Se ne è consapevole cosa aspetta a prescindere dei compromessi tecnici a implementare i servizi che incrementano quest'ultimo?

  • Per un' azienda che sviluppa capitale umano la soluzione di delegare al "forum della comunità" un servizio di assistenza è la scelta giusta o crea ulteriore distanza  con l'utente?

  • Facebook oltre ad avere un filosofia da Hacker ha un settore che progetta un uso della piattaforma che possa oltre che soddisfare l'utenza creare un Plus che incrementi il capitale umano?

  • Ogni tot di tempo l'azienda prende decisioni relative la User Experience, l'Accessibilità e la Privacy e non è un segreto che molte non sono né condivise né si sono accaparrate simpatie con questa politica comunicativa Facebook non rischia alla fine di divenire nell'ecosistema del Web un po come la politica estera Amerrricana ovvero impositiva poco democratica e infine poco simpatica?

Queste domande non celano alcun risentimento verso Facebook in quanto non finirò mai di ringraziare la vista d'insieme del noto creatore e di riconoscergli il merito di ciò che ha fatto per l'umanità ma temo che anche se il suo prodotto finale rappresenta un esempio concreto di prima creatura trans-disciplinare attualmente il suo sviluppo è alquanto deficitario nel suo aspetto peculiare.

Potete constatare personalmente a cosa mi riferisco per distanza dal sociale. 

Questo Post comunque ho deciso che inaugurerà una nuovo ambito di ricerca ed approfondimento sui Gruppi/Comunità nei social media in quanto questa dinamica collaborativa e cooperativa in Rete è molto importante per il nostro settore professionale.