Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

mercoledì 2 ottobre 2013

Cose da non fare prima...

google blogger fase iniziale critica
....di morire? Pensavate forse a mete esotiche o a scorribande erotiche e/o casomai ad acquisti che potessero spegnere i vostri più ardenti bollori da shopping? Mi dispiace deludervi ma non ho niente da offrire rispetto a tutto ciò che la più fervida delle vostre immaginazioni abbia potuto partorire..

..L'immagine qui di fianco parla chiaro su chi sarà il protagonista di questo post e la mia è stata solo l'ennesima scusa per risolvere il blocco da introduzione.

In rete ci sono tonnellate di esperti di Blogger e ad una rapida digitazione nel campo Cerca dell'omonimo insieme di lettere non tarderà ad arrivare un ondata di consigli, trucchi e quant'altro perciò non è mia intenzione fare ripetizioni!

Anche se questa intenzionalità non è certo sufficiente per cavarmela da questo rischio che rimane pur possibile viste le sterminate dimensioni della rete....e aggiungerei grazie a Deus.


La mia soluzione per non essere ripetitivo non dico originale è approcciare l'argomento mantenendo un senso di continuità con la linea di sviluppo che ho principiato qualche mese oramai fa su questo blog e che esso stesso incarna ovvero di formare invertendo la prospettiva sull'uso di questa piattaforma e quindi offrendo attraverso la mia esperienza empirica e la mia capacità di analisi anziché un'insieme di fonti convenzionali  per giunta già comodamente reperibili nel Web una guida che agendo sulla correzione delle Criticità che derivano dalla loro applicazione consegua una riduzione dei tempi di sviluppo e quindi del livello di Stress che di norma ne consegue offrendovi la soluzione che reputo più adatta.

Perché nel Web chi fa da se beh impara sbagliando...e non solo perde tempo ma spesso anche la pazienza per non parlare poi delle conseguenze che possono anche rischiare di danneggiarvi. Ora sicuramente esisteranno orde di ottimisti e appassionati amatori di stampo modellistico che vi diranno che errare umano est o che sbagliando s'impara ma posso garantirvi che chi ha abusato con questa metodica fa' incetta di Prozac al solo pensiero di tutto il tempo che ha perso.

Ho sbagliato io all'inizio commettendo errori? 

Certo che si porca l'oca e ne ho commessi pure di gravi!

Eh questo alle volte mi ha persino danneggiato.

La conoscenza dei proverbi in questione mi ha rasserenato o tranquillizzato inducendomi a prenderla sportivamente o migliorando il mio Karma da smanettone? No! Vi garantisco di no...l'unica cura che mi avrebbe aiutato sarebbe stata quella di non incorrere affatto in questa tipologia di contrattempi snervanti e per giunta dannosi.

Eppure seguivo i Tutorial alla lettera e le mie procedure web erano perfette e alla prova empirica immediata funzionavano ma molte volte mi trovavo spesso a dover fare tutto dal principio. E allora dove sbagliavo e che cosa?

Non avevo fatto i conti che avrei dovuto farmi le ossa come Web strategy e che presto avrei imparato sulla mia pelle coprendone le spese che spesso era tutta una questione di scelte iniziali da cui poi far seguire lo sviluppo informatico.

Altrettanto velocemente avrei poi appreso in seguito che proprio sotto questo aspetto la rete è al quanto deficitaria.

Oggi dopo qualche anno di esperienza o mese asseconda della piattaforma o ecosistema informatico che tratto credo di essere in grado di poter intervenire proprio in questo ambito.

Quindi anziché scrivere articoli con gli aggiornamenti puntuali su Blogger ho intenzione di produrne di meno frequenti ma che offrano delle soluzioni utili a non imbattersi nelle criticità inerenti le scelte penalizzanti che derivano da un loro uso giusto tecnicamente ma sbagliato come scelta basica strategica.

Poi conosciute le criticità che seguono la corretta applicazione di una data procedura informatica la direzione che deciderete intraprendere sarà solo una questione di libero arbitrio e non di comprare a scatola chiusa.

Nel caso specifico di Blogger poche scelte possono fare la differenza tra essere veramente efficaci o colpire a mezza cartuccia altre vi costringeranno a fare tutto da capo, altre a fare la figura dei professionisti del web approssimativi o se lo considerate peggio da dilettanti!

Adesso dovrei spiegare come faccio a trovare le giuste scelte a livello strategy in modo tale da convincervi della validità del mio credo rispetto a tutti gli altri strateghi della rete ma non posso garantirvi altro che il risultato che vedete con i miei strumenti/prodotti e se trovate di meglio e funziona beh basta che funzioni ma soprattutto che voi ne siate soddisfatti...!

La soddisfazione è una vittoria personale anche se in un certo senso sul Web bellezza e funzionalità e finalità dovrebbero andare a braccetto! Il mio metodo?

Semplicemente provare riprovare per poi riprovare ancora, sbagliare e ripetere il tutto fino a trovare una delle soluzioni possibili e vedere se funziona poi provare se si armonizza con il contesto e poi migliorare continuamente contesto e particolari con azioni di revisione e affinamento sia centrifughe che centripete dal perimetro al centro che effettuate viceversa.

Prima di passare ad alcune soluzioni è bene prima precisare che già da un po' di tempo a questa parte Blogger è sempre più integrato con il social Google Plus e ciò rappresenta oltre che un passaggio fisiologico necessario basti pensare all'obsolescenza dei Feed RSS una implementazione tecnica che ci restituisce un prodotto ben più complesso rispetto a quando agivano singolarmente e isolati e che ci induce in una nuova era dei prodotti Google in cui bisogna analizzare in prospettiva questi due tipi di prodotti sempre di più come uno strumento unico.

A questa semplificazione/integrazione dal punto di vista di evoluzione tecnica corrisponde un'aumento del livello di complessità totale con la conseguenza di esporre l'utenza dinanzi ad un aumento del numero e del coefficiente di difficoltà delle scelte giuste da fare.

Inoltre bisogna fare anche i conti con la loro giovane integrazione un aspetto tutt'altro da sottovalutare.Alcune correzioni ad errori vi sembreranno banali ma sono convinto che sono delle sviste in cui tutti possono facilmente incappare e che spesso rimangono ignorate e perciò sbagliate proprio perché difficili da notare.

Altre dritte avranno l'obiettivo di evitare di farvi incorrere in quello spiacevolissimo inconveniente che per fare la correzione occorre ripetere il tempo di lavoro che avevate già impiegato per farlo la prima volta anche se sbagliando.

Questi sono solo alcuni degli esempi sui vantaggi riscontrabili mettendo in pratica questo modus operandi che mi vengono in mente sempre ribaltando la prospettiva di analisi. 

Come faccio a notare queste cose?

Osservando sempre più attentamente grazie al lievitare delle ore di navigazione e perciò riducendo progressivamente la nota cecità da disattenzione.
Essa è quasi direttamente proporzionale all'aumento dell'esperienza dico quasi perché rimanere folgorati nel Web è questione di un attimo anche per i più esperti.

Questo è l'inizio che voglio dare alla serie di soluzioni che fornirò sulla piattaforma Blogger che corrisponde anche alla fase conclusiva di questo articolo in cui tirando le somme la morale è :"Credo che nel campo del Web Strategy andremo sempre più verso una funzionalità d'insieme data dall'insieme delle parti e dal loro agire sinergico più che dalle singole peculiarità e per cui conseguire obiettivi nell'ecosistema di Google sarà necessario orientarsi verso scelte strategiche sempre più vincolate da integrazioni/sincronizzazioni che da atomizzazioni".

Quindi la linea da seguire sarà la ricerca dell'equilibrio e dell'armonia tra le parti in cui nessuna dovrà penalizzare, sovrastare o ripetersi ma avrà anche la finalità di potenziare le altre,sostituire,amplificare ed estendere il proprio raggio d'azione.

Vista la lunghezza di questo Post credo che sia oramai opportuno rimandare la trattazione di alcune scelte/soluzioni adottate  per lasciarvi solo temporaneamente per poi ritrovarvi presto e nel frattempo casomai meditare se ciò che scrivo è comunque tempo perso per chi ha tempo da perdere o se invece anche quest'ultima è ancora tutta un'altra storia...