Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 13 dicembre 2013

Web tra Arte e Design

web design rapporto arte e usabilità
Che sottile equilibrio quello che cercherò d'affrontare oggi
son mica nespole...
In altri termini il settore da trattare è il 
Design Funzionale/Strumentale.

Prima però un breve ragionamento su cosa sta' bollendo in pentola in questo periodo nel web come si sta trasformando..in che fase di transizione fluttua è in cosa o come si sta evolvendo.

Le figure in ballo anzi gli scultori che danno e daranno forma a questo ecosistema sono principalmente due il web designer ed il web developer.

 Essi sono due manipolatori della materia prima il cui prodotto finale grosso modo corrisponde a ciò che di più bello vediamo nella rete..parrebbe che lavorino insieme e che siano talmente complici da confondersi l'uno nei panni dell'altro per quanto abbiano ovviamente se messi a confronto ciascuno maggiore esperienza nel proprio ambito.

Ultimamente sia Window che Google hanno lanciato piattaforme per web designer mentre in Italia le Istituzioni bandiscono l'informatica relegandola all'attività di pochi istituti professionali...certo che è equivoca questa cosa ovviamente mi riferisco all'istruzione nostrana basti pensare che l'Inghilterra ha sostituito la matematica tradizionale con quelle utile per la programmazione sin dall'inizio delle carriere scolastiche preferendo gli algoritmi alla disoccupazione.

Per quanto riguarda invece lo sviluppo di queste piattaforme i significati potrebbero essere molteplici personalmente credo che muteranno in profondità le modalità di apprendimento ed i processi.Già precedentemente ho trattato questa tematica che presto approfondirò con esemplificazioni perciò adesso me la sbrigo dicendo che agiscono principalmente sull'imparare facendo.

Sino ad ora in Internet imparare sbagliando non solo portava conseguenze alle volte distruttive ed erano anche ragione di abbandono dell'auto-formazione ma specie nel web design costringeva ad arrangiarsi e a non poter vedere subito il prodotto montato il suo funzionamento ma anche la sua bozza.Il poter procedere per tentativi è tipico dell'imparare facendo in cui per approssimazioni si raggiunge l'obiettivo....(certo che se vengono aggiunti dei tutorial immaginatevi che risultati possono essere conseguiti).

Per gli esperti invece poter disporre di queste piattaforme gli consente di risparmiare tempo in fase di sviluppo come poter controllare più agilmente le proprie realizzazioni...anche se duri e puri taluni non lo ammetteranno mai! In un certo senso questa cosa mi ricorda Vasco col la sua celebre frase tutti lo fanno ma nessuno lo dice.....

Un Altro aspetto che mi viene in mente è la ribalta del Drag & Drop...ma questa è pur sempre roba da dilettanti...io invece la pratico per diletto...

Il mio ottimismo in tutto ciò vede la quadratura del cerchio in cui prima vi è stata la fase di importanza data ai contenuti ed ora vi è un chiaro messaggio di formazione orizzontale in cui prima ci verranno fornite le piattaforme e poi i corsi per far si che la Rete continui ad esistere.

Poi se vogliamo essere ancora più visionari nel settore della formazione del web alias web learning potrei pensare che la ricerca dei talenti per creare web designer non dipenda più dalle scuole bensì dalla capacità di lettura del codice e di visione d'insieme nel design dei layout che risiedono nelle nostre doti innate e che se aggiunte alla volontà di imparare possono portare ad uno sviluppo ancora migliore.

Il passaggio epocale secondo il mio punto di vista è insito nel potenziale intrinseco di queste piattaforme che da lavoro stanno diventando piattaforme di apprendimento in vari settori della conoscenza.

L'informatica ha caratteristiche tali da poter ancora meglio di qualsiasi modalità non-formale/informale poter godere di questi strumenti.

La direzione che il primo media orizzontale della storia dell'umanità sta' prendendo ritengo che sia di buon auspicio per un ambiente in cui vedremo sempre di più pulizia grafica a fronte di una buona usabilità e al cui interno risiederanno contenuti sempre più di qualità.

Internet è un bene comune la cui peculiarità di essere orizzontale è in serio pericolo da parte dei governi  mondiali mentre un loro inserimento gerarchico e coercitivo con leggi punitive e restrittive non ha avuto i risultati voluti politici ed istituzioni stanno attuando un ben più efficace metodo che consiste nell'eliminare il numero degli sviluppatori....d'altronde pensateci è una relazione direttamente proporzionale: al ridursi degli web designer un pezzetto di web già scompare..

Anche se ciò che ho detto potrebbe sembrare apocalittico ben più con i piedi per terra è la responsabilità che abbiamo di << fare la rete >> e di non lasciare che si faccia da sola...col rischio che possa prendere poi pieghe indesiderate.

L'obiettivo dovrebbe essere produrre contenuti di qualità e non che obbediscano solamente alle leggi/mire del marketing più sfrenato e del business.

Lasciare Internet senza contenuti equivale già un po' a lasciarlo peggiorare ed in preda alle minacce e prevaricazioni culturali...non lasciamo al futuro l'ennesimo strumento gerarchico verticale ed impositivo;ne abbiamo già fatto abbastanza le spese con la Televisione...e forse proprio perché strumento del popolo è venuto il momento di non andare solo dove ci porta il denaro.