Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

domenica 16 febbraio 2014

Blog media design:NO alla pigrizia mentale!

design pigrizia mentale categorizzazione ed organizzazione della conoscenza in un Blog media
Se mi seguite già da un po' questa introduzione è solo una rispolverata della trattazione sulla tematica del Blog come media Trans-Disciplinare inteso come un'amplificazione ed estensione di stampo cybernetico della nostra mente che mi è utile per far capire che una volta focalizzato questo aspetto peculiare di questo strumento non è un automatismo che le persone entrino nella vostra mente nel momento in cui navigano nel vostro blog..

..certo rispetto a non possederne uno nessuno potrà accusarvi di non poter dimostrare ciò che in relazione ai contenuti della vostra mente avanzate di possedere perché appunto essi si sono fatti manifesti(pensate a quante volte ad un colloquio o a scrivere in un curriculum vitae di lavoro vi siete trovati ad assolvere all'obbligo di dover enucleare le vostre competenze senza poterne fornire le prove ed i fatti materiali anche solo perché senza il contributo degli altri non vi è stato possibile realizzarli;avere un Blog risolve anche questo tipo di criticità rendendo fatti l'intelligenza!

Fin quando non la dimostrate concettualizzandola nessuno ha ancora il potere di leggere la mente!! Ma per converso specie in Italia la cedete ai disonesti i quali potranno avvantaggiarsene confutandovi avvalendosi del tanto noto:  fino a prova contraria...

ma questo non garantisce che l'utenza riceva implicitamente quella struttura-architettura che per convenzione oramai siamo abituati e forse anche sbagliando a dare alla conoscenza.

Schematicamente per non ripetermi con altre trattazione precedenti casomai anche più approfondite di norma per convenzione siamo soliti accettare una conoscenza dal momento in cui la si contestualizza in un percorso lineare-diacronico che diviene sincrono al momento della contestualizzazione contingente da cui deriva un quadro concettuale basato su una propedeuticità e poi ad avere varie media-strumenti e tecnologie afferenti per approfondire e studiare.

Queste tecnologie nel tempo sviluppano architetture-strutture per consentirci un tale orientamento spazio-temporale al fine di garantirci un'organizzazione e categorizzazione delle conoscenze con un progredire di livelli propedeutici finalizzati anche al recupero delle nozioni.

Per astrazione si pensa che occidentali ed orientali si distinguano in questo senso in base ad un orientamento spazio/tempo che rispecchia il movimento oculare rispettivamente da sinistra verso destra per i primi e viceversa per i secondi derivato dalla sua evoluzione in base al media della scrittura e alla tecnologia della parola.(Walter J.Ong ).

La parola secondo questa teoria è il media antesignano rispetto a tutti gli altri a cui ha succeduto la scrittura e poi con la stampa il libro.Quindi è facile capire per quale motivo i media cartacei presentino un'emulazione strutturale nella loro architettura tecnologica che emula il nostro pensiero e ancor di più comprendere il mio punto di domanda:

"Perché mai un Blog che integra e sincronizza tutti i media comunicativi rimediandoli dovrebbe presentare nel suo design lacune ed approssimazioni in questo senso talmente penalizzanti da andare oltre il livello di criticità intrinseca all'utenza tanto da risultare non utilizzabile?"

La modalità attraverso la quale l'utenza effettuerà il reperimento delle fonti asseconda del contenuto che l'autore intende trasmettere può assumere un'importanza basica al punto tale da poter decretare il successo o il fallimento del progetto e quindi di conseguenza la NON veicolazione del messaggio.

Ogni media presenta architetture e funzioni-strumentali utili al reperimento delle informazioni-servizi la cui struttura si è evoluta nel tempo e lo stesso avverrà per i Blog che però presentano un aspetto molto scomodo perché essi sono orizzontali generando formazione orizzontale/connettiva e  processi generativi....ma questo è un altro discorso che sfora nella denuncia/polemica fedele alla teoria del complottismo.

Perciò NON fatevi prendere dalla pigrizia mentale affidandovi a modelli-temi-layout standard fatelo solo se gli obiettivi sono ristretti ai template più comuni quali Magazine e personal blog ma se le vostre mire sono diverse e casomai anche più complesse progettate il layout in base al progetto-obiettivo che intendete tirar su'!

Iniziate studiando le innumerevoli risorse che si possono reperire nel Web fate le opportune valutazioni, osate e personalizzate sperimentando e molto probabilmente ad un'offerta formativa personalizzata corrisponderà un media blog con un'architettura che faccia conseguire la sua trasmissione in virtù della sua completezza in riferimento alle strutturazione organizzazione e reperimento della mente dell'utente in apprendimento ed in formazione permanete e continua.