Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 21 marzo 2014

Web Learning: Cos'è?

non formale informale formale educazione degli adulti
Sembrerebbe che l'istruzione formale e formalizzata si rifiuti di riconoscerlo il Web Learning ma non mancano docenti italiechi dal vizietto di sfruttarne il potenziale neanche sotto mentite spoglie:...:

quindi come stanno veramente le cose?
Siamo di nuovo difronte al classico di coloro che manipolano le folle ma poi per il proprio mero interesse si servono di un servizio in modalità quasi esclusiva giusto a ribadire che loro possono?

 La dicotomia sembrerebbe risolversi sulla terra comune della certificazione formale ma se approfondiamo salvo premettere che all'apparenza tutto torna nel momento in cui si cerca la formalizzazione di ciò che si è appreso attraverso modalità informali e non formali per le istituzioni Italiane abbiamo solo perso tempo.

Quindi all'atto pratico la bilancia della accessibilità pende solo a favore dei formalizzati e formalizzanti. Per converso chi si fa da sé attraverso l'auto formazione non ha alcun riconoscimento delle proprie competenze.

Eppure le fonti che quotidianamente reperisco nel Web non solo sono state in grado di farmi realizzare prodotti constatabili agli occhi dei più ma se paragonate ad anni di formazione formale sono le uniche competenze utili che altri diversi da me mi hanno fornito in tutta la mia esistenza e percorso istruttivo.

Molti tromboni sicuramente ad una tale presa di posizione si appellerebbero alle responsabilità imputabili alla soggettività tipica dell'essere-non essere del tutto individuali inerente le competenze che rivendico di possedere relegandomi all'isolamento tipico della loro stessa condotta individualista ma la controprova su chi possa sostenere che e da che parte è presto data e testimoniata con ed attraverso il livello della qualità delle competenze in uscita studentesche.

Non sono certo l'unico a sostenere l'inadeguatezza ma basti osservare gli studenti che ormai popolano le università poi richiedere loro un lavoro personale non dico originale a carriere concluse e sentire cosa hanno da proporvi...misurate il loro umore vitale, osservate il loro sguardo nei mesi dedicati agli appelli d'esame; vi invito a prendere un giorno di ferie e andare ad assistere non dico agli esami dei vostri figli ma a quelli degli altri essi sono pubblici....non abbiate timori...scegliete la materia di vostra pertinenza in cui siete dei professionisti da diversi anni e tornate a commentare nel blog per aprire un dialogo e risolvere questa situazione e se ho ragione per unirsi per il bene del nostro futuro.

Chi sostiene il contrario mi dispiace dirlo ma siamo giunti all'evidenza che o ignora ipocritamente il problema o lo strumentalizza ai propri fini ed è l'ora di farla finita di avere paura della paura! Per quanto potenti molte di queste individualità e gruppi comunità vivono solo di ricatto nel loro piccolo regno offrendo pochissimo in cambio di tanto....ossia per il bene di pochi il male di molti!

Quindi prima di dire cos'è il Web learning era bene definire cosa non dovesse divenire e come dev'essere riconosciuto perché esso esiste ed è di qualità grazie anche ai nuovi algoritmi ed alla Vision etica e aziendale di Google nei confronti del proprio motore di Ricerca mentre coloro che detengono le poltrona pur volendo mantenere lo status quo come garanti delle competenze in uscita in verità sfuggono a controlli e non ne hanno alcuni e quando questi si palesano manifestano dissenso e forte disagio e nervosismo il che è chiaro indice sia di volontà inesistente che di un'etica professionale quanto meno discutibile.

Per quanto riguarda invece la definizione di Web Learning non mi permetto neanche di provarci a restringere questo meraviglioso campo e settore multi-poli-trans-disciplinare connettivo (in quanto a differenza del libro e della Televisione è il primo media non alienante)al pari di come vorrebbero fare con giudizi e castrazioni il sistema istruttivo tradizionale/Formale nel tentativo maldestro e coercitivo di formalizzarlo e categorizzarlo necessariamente riducendolo ad un mono-settore disciplinare.

Le conseguenze fallimentari della catena di produzione delle certificazioni formali nostrane sarebbe un eufemismo definirla come sterile nei confronti del welfare ed come una bestemmia se valutato edificante nella costruzione del proprio Sé; perciò non è un bene né individuale né collettivo! 
(l'aggravante è che essa si è rivelata anche poco sostenibile e sicuramente lo è meno del Web learning)

Costringere il Web learning negli angusti confini dello status quo equivale a ridurne l'orizzonte e ad applicare la stessa azione artificiale e la logica imperante dei comparti stagni che ha penalizzato come nella vita analogica l'unica risorsa fondamentale per il bene comune(progresso inteso in questo senso): la spontaneità nella generazione della conoscenza!

Quest'ultima oggi non è solo recuperabile ma attuabile attraverso il media Web che genera formazione orizzontale anziché verticale ma dobbiamo tutelare oltre che gli strumenti per il diritto allo studio anche il più sacro di tutti i carburati ovvero la voglia di apprendere ed imparare insita nella curiosità dell'animo umano e non possiamo permettere che essa venga sottratta o depressa in alcun modo!!

Per queste ragioni è importante incentivare i mezzi tramite i quali essa si induce e si produce ed il Web Learning attualmente è un mezzo/strumento che lo rende quotidianamente possibile!

NON si può continuare a negare l'evidenza e creare una controcultura che si basa su illazioni infondate e quanto meno distali dalla realtà: è INACCETTABILE ed oltremodo utile solo per soggetti noiosi e senza talento nonché la morte dei creativi incentivando solo le persone senza volontà propria che basano la loro esistenza solo a soddisfare la voce verbale: 

Ubbidire per non avere conseguenze-problemi!!!

Senza curiosità e conoscenze utili per chi intende soddisfarla non ci può essere progresso ma solo frustrati e l'Italia è il regno dei frustrati!