Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

giovedì 13 novembre 2014

Blog Design: modello concettuale ideale

A volte mi piace giocare ed indire una specie di concorso sul "vota il più bello tra i Siti-Blog" in cui mi imbatto quotidianamente durante le mie navigazioni Web; ovviamente come in ogni specialità di questo genere che si rispetti vanno stabiliti dei parametri/criteri/valori di valutazione.

Web design blog sito web web usability design
thenextweb.com

Non è certo mia intenzione fare una di quelle tante selezione loffe che vi sono a giro per smarchettare ne' fare la tipica lista ove incolonnare basandomi su un indice numerico una sfilza di attività online.

In questo post il "core" è focalizzarsi su quali siano appunto i valori in gioco ai fini dell'efficienza ed efficacia del servizio su cui un metodo di valutazione possa eventualmente agire per stabilire una stima basata sulla qualità di questa tipologia precisa di piattaforme di lavoro.

Se penso ad un denominatore comune è il turno di chiamare la onnipresente e sempre citata "User Friendly" della piattaforma sia lato user che client.

L'autore-amministratore dev'essere il primo a muoversi agevolmente entro uno schema di navigazione dalla facile usabilità in quanto uno strumento di lavoro ostico porta via oltre che tempo e pazienza anche a sviluppare degli schemi d'uso che alla lunga stressano compromettendo la qualità del processo lavorativo anziché agevolarlo come gli competerebbe, invece, di diritto intrinseco.

Lo schema di navigazione e dell'informazione sono costituiti da una struttura contemporaneamente visibile sia all'utenza che riservata esclusivamente all'amministratore.

Il principale punto d'incontro relativo alla facilità d'utilizzo è rappresentato dalla comprensione distribuita da parte dell'utenza dell'attività di navigazione dovuta al suo essere esplicitante al punto tale di coincidere il più possibile con quella del designer che l'ha realizzata.

Le figure in gioco se designer e amministratore/autore non sono la stessa persona risultano essere Tre:

  • Web Designer: progetta lo schema di navigazione-informazione solitamente finalizzato a conseguire modelli concettuali in astrazione per obiettivi prestabiliti ed il concept del Tema-Modello del Sito-Blog il quale è costituito dall'identità data dal visual design.
  • Autore-Amministratore-Web master: personalizza procedendo per progressive approssimazioni il concept del layout al fine della trasmissione del messaggio come dell'erogazione dei servizi prodotti dell'attività online il quale si traduce in un preciso modello concettuale univoco e perciò precisamente identificabile e riscontrabile.
  • Utenza: è il target di riferimento finale a cui è rivolta la trasmissione del messaggio e l'erogazione dei servizi-prodotti il quale non è né univoco né identificabile/riscontrabile ed è composto perciò da una moltitudine di modelli concettuali diversi per ciascun individuo contando che ciascun individuo può avere a sua volta più modelli concettuali diversi. Inoltre ciascuno può essere valido anche se divergente rispetto ai due modelli precedenti e quindi conseguire finalità anche se la procedura è sbagliata e ben più dispendiosa in termini di numero complessivo di click-tempo.( definite come navigazioni balistiche)

 CONCLUSIONI 
La riduzione delle idiosincrasie sistemiche è opportuno siano ridotte o limate ai massimi livelli di parossismo oltre alle ben note linee guida della usability a cui si aggiungono mapping, feedback, vincoli e standard al fine di far collidere e coincidere i modelli concettuali di ciascuno degli attori coinvolti dal design di un Sito-Blog.