Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 22 maggio 2015

Guest Blogging e sperimentazione

blog blogging guest blogging blogger
Fonte Foto
Notizia fresca fresa di questi giorni è aver visto finalmente talune tra le realtà più conosciute come blog multi-autore tra quelli italiani aprirsi a forme anche sperimentali di guest blogging.

In sostanza si tratta di essere passati dal reclutamento di autori prima su base di valutazioni strettamente personali e soggettive da parte della redazione ad una "sorta di preselezione'" attraverso la possibilità di pubblicazione su un blog scorporato da quello principale.

Di primo acchito potrebbe sembrare una chance double face e quindi un'ottima opportunità specie se l'incentivo alla pubblicazione è la promessa di avere la possibilità di essere inseriti nell'organico del blog principale e chissà forse un giorno anche essere pagati per farlo.

Il problema, però, sorge se chiediamo se è il caso di armarsi di fiducia o farsi prendere dal legittimo dubbio.

Certo che la prospettiva è allettante ed i vantaggi del guest blogging sono innumerevoli ma se poi la nostra fiducia finisse per essere tradita?

- Chi ci dice che il giudizio di chi ci osserva sarà obiettivo?

- Possibile che chi fino a ieri che ha attuato politiche di esclusione quanto di chiusura improvvisamente si sia aperto? 

- Forse colto da momentanea folgorazione-illuminazione?

- Per quale ragione questo cambio di rotta e di direzione? A cosa è dovuto?

Le domande si dice siano la forma più ingenua dei dubbi, oltretutto, tutti leciti per carità....

...come non sarebbe onesto ne' giusto non fare almeno un plauso ad una nuova forma di iniziativa la quale si potrà anche dimostrare valida ed innovativa.

Perciò, che dire, lasciamo al tempo l'ardua sentenza e vediamo se trattasi dell'ennesimo fiasco (anche in virtù della scarsa partecipazione che pronostico assai prevedibile) o invece di una storia di clamoroso successo...

Peccato che la mia esperienza è che per la gloria non lavori nessuno tanto meno in virtù di un futuro roseo per lo più intelligibile ed astratto...e che difficilmente le persone cambiano e mi riferisco ai gestori di questi sedicenti blog...

Sarò ben felice di vedere se oltre al sottoscritto esistono altri professionisti che in nome della passione del Web e della formazione ad esso annessa sono da annoverarsi tra quei pochi che rispetto alla grande maggioranza: non fanno niente per niente!

Al top!