Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

domenica 27 dicembre 2015

Lo dice la scienza i blog implementano la rete neurale

blogging blogger web writing creatività

Ciascun blogger ha e sviluppa i propri processi creativi a cui corrisponde di norma una florida attività produttiva traducibile in contenuti che a loro volta divengono-vengono convertiti in post.

I processi creativi del blogger
La controprova che la "meccanica di produzione" funzioni è di alquanto facile misurazione;
basta cliccare l'Url del blog dell'autore dare una rapida scorsa alla sitemap per constatare quantitativamente la sua creatività, dopodiché, magari, è possibile passare ad una analisi più approfondita della qualità con la lettura dei contenuti.

La filiera produttiva, però, può mutare da blogger a blogger;


"ciascun autore matura un proprio sistema per i processi creativi pena altrimenti la chiusura del blog, è ovvio o quasi


..ed anch'io, com'è ovvio, ho maturato il mio, ciononostante, sono, anche convinto, che talune azioni tipiche di questa attività (il blogging) possa comportare in chi scrive la ripetizione dei medesimi 'schemi produttivi' con i relativi sviluppi cognitivi che avvengono di riflesso.

La tecnica delle 'bozze aperte'
Nella fattispecie, esemplificando, uno di questi schemi che sono solito aver rafforzato nel tempo è la pratica di aprire appena ho un input-idea una 'bozza' e lasciarla, come dico io, 'aperta in modalità stand by' per poi tornare a completarla a seguito di un'intensa attività riflessiva che ha comportato dei collegamenti neuronali prima, altrimenti, inesistenti.

La conferma di ciò è che, precedentemente, mi sarebbe stato impossibile alquanto sia concludere che svolgere il contenuto della 'bozza aperta'.

Mi spiego meglio:

- Se non avessi aperto la 'bozza' avrei trovato il modo di concludere il post?

- Probabilmente no, perciò, è essa una questione misteriosa?


Con il tempo e la pratica penso di essere giunto a darmi alcune risposte:

Ami il blogging? Scegli una o più tematiche da trattare a te congeniali
Fare blogging su una determinata tematica e le sue innumerevoli declinazioni (tematiche trasversali) comporta intrinsecamente lo sviluppo implementativo della capacità che sono solite mettere in relazione/rapporto le conoscenze ai fini di approfondirle e di conseguenza realizza collegamenti.

Sfatiamo l'ideale romantico di idea geniale
Le idee non sono necessariamente colpi di genio ma anche importanti 'topoi' del pensiero riflessivo; tant'è che parlare di mera creatività in merito alla produttività dei contenuti di un blog è sbagliato in quanto ciò che si matura nel tempo è un incremento della rete di collegamenti-relazioni tra le tematiche trattate.

L'esercizio quotidiano del blogging aiuta
Quindi una delle risposte è che la parte retrograda della mente lavora inconsciamente sulle 'bozze aperte' che tracciano una sorta di mappa virtuale dei punti salienti del pensiero atto alla creazione di nuovi contenuti-post;

"ma, anche, che questo processo creativo è possibile solo in virtù della pratica del blogger di lavorare quotidianamente focalizzato a livello riflessivo sulle tematiche di sua pertinenza specifica


Una prospettiva rovesciata di analisi di tale fenomenologia
La domanda conclusiva potrebbe essere se la mente possiede a prescindere tale capacità o se sia la piattaforma del blog a renderla possibile,

..ed è ovvio che il blog è un prodotto del nostro intelletto e perciò sia più indicato parlare di un media il cui funzionamento tecnico 'lato authors' incentiva in chi lo utilizza l'emergere come il rafforzarsi di tale capacità intrinseca alle nostre capacità cognitive.


 CONCLUSIONI 
E' vero, non ho fornito link autorevoli a giustificare alcunché di scientifico, inoltre, il titolo l'ho scelto ironicamente ma con un obiettivo, spero, nobile;

ovvero, convincervi al fine di rassicurarvi se state attraversando un momento di debolezza e siete tentati tanto vi sentite scoraggiati a mollare tutto che una volta aperto un blog con il tempo potrete appurare personalmente di aver maturato una diversa 'forma mentis' prima, altrimenti, solo latente/ in potenza.

Alle volte vedere la luce in fondo al tunnel è la motivazione capace di fare la differenza rispetto a chi pur essendo prossimo all'obiettivo dalla sua prospettiva non riesce ancora a scorgerla.

Nella formazione, probabilmente, è la stessa che corre tra chi si è già da tempo cimentato e chi inizia;
taluni, lo recepiscono come un dono, altri, da "illuminati" come un fastidioso, quanto inutile, suggerimento, così è nella natura della cose,

dopotutto sono solo prospettive, la formazione dipende dalla prospettiva di chi apprende mai viceversa sennò è una farsa, nient'altro che un atto impositivo.