Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

lunedì 7 dicembre 2015

Web learning come prodotto di consumo


Nella formazione online una prospettiva da non sottovalutare assolutamente è quella 'lato client' la quale insieme a quella del progettista dovrebbe incontrarsi in un prodotto per offrire un'offerta formativa all'altezza delle aspettative.

L'offerta formativa web è un prodotto funzionale alle utenze
Il web learning a mio modo di vedere sta' cambiando la percezione dell'utenza nelle modalità di consumo dei prodotti formativi come dei progettisti nello svilupparli specificatamente in modo tale d'avere in dote aspetti peculiari, assai differenti, da quelli, per esempio, già esistenti e fruibili tramite l'e-learning.


"Il prodotto formativo diviene 'funzionale' alle esigenze dell'utente invertendo, così, il paradigma di progettazione delle offerte formative le quali sono state a lungo proposte sulle potenziali quanto astratte necessità di mercato stabilite da presunti analisti delle stesse


Funzionale nei risultati che anche se non certificati devono essere garantiti come nelle modalità di consumo che piuttosto di essere un impegno da calendario-agenda scolastica sono erogabili e fruibili asseconda delle esigenze di tempo e perciò gestionali dell'utenza.


Ecologia dei media e Web learning
Le specificità stanno mutando ed il web sotto questo punto di vista cerca di accorciare le distanze offrendo servizi del tutto nuovi, competitivi e spendibili.

Dopotutto, è un processo del tutto naturale che il rapporto di interazione tra discente e formatore muti in base all'ecosistema in cui abbia luogo;

esso si è solo spostato dalla dinamiche analogiche a quelle prettamente digitali o delle modalità blended.

Riflettendoci non siamo nuovi a queste tipologie di relazioni e rapporti dacché l'ecologia dei media se n'è sempre occupata di analizzarle e studiarle sin dalle più remote origini dell'era dei media.

Perciò si vanno definendo nuovi standard necessari, affinché, un prodotto possa essere classificabile come facente parte del Web learning ed offrire, così, modalità confacenti al soddisfare l'aspettativa dell'utenza online.


Standard del Web learning
Ovviamente essi dovranno presentare un mix-amalgama sapientemente distribuito dei seguenti aspetti salienti:

  • Web usability la cui cura e progettazione rispettosa delle principali linea guida consentono la corretta fruizione online (hai provato a sottoporre il tuo blog-sito web al Test Usability per una navigazione efficiente ed efficace?)

  • Propedeuticità dei moduli-corsi-percorsi suddivisi ed organizzati per livelli di apprendimento progressivi (aspetto ancora piuttosto latitante nel web)

  • Self education progettazioni dedicate all'auto-formazione attraverso tutoraggio e progressivi livelli di 'fading' da parte dei tutor i quali intervengono procedendo per dissolvenza dell'affiancamento

  • Modalità di consumo/apprendimento data da una fruizione complessiva: veloce, sintetica, facile ed immediata

  • Ubiquitaria che soddisfi i requisiti minimi della formazione mobile

  • Garanzia del risultato competenze garantite e spendibili; si sa' la prima forma di marketing web è il 'passa parola' ed in questo non vi è nessuna analogia con molti dei corsi tradizionali pena altrimenti la chiusura dei servizi in breve tempo ma sopratutto anticipatamente



 CONCLUSIONI 
In sintesi trattasi di prodotti che fanno della facilità di fruizione e della personalizzazione delle modalità di apprendimento il loro 'must' con la non trascurabile prerogativa di offrire competenze di qualità e spendibili pena altrimenti il fallimento commerciale.

Progressivamente la formazione tradizionale dovrà ben presto migliorare la qualità dell'erogazione della conoscenza, poiché, adeguarsi non sarà sufficiente;

l'abolizione delle regole spazio-tempo e la personalizzazione della didattica va pienamente incontro alle esigenze della società contemporanea e ciò non può porla che inesorabilmente in svantaggio altro che non si riveli presto in grado di fare la differenza attraverso migliori affiancamenti, interventi capillarizzati, valore qualitativo aggiunto, simulazioni just in time e quant'altro la creatività sopita da secoli una volta risvegliata potrebbe partorire a suo vantaggio.

Non ci resta che sperare, affinché il differenziale qualitativo, tra la formazione tradizionale e quella digitale emergente possa evidenziarsi attraverso la conferma di quest'ultima come migliore di tante forme pseudo-certificate, cosicché, la spinta evolutiva di riflesso sposti finalmente quella arenatasi nella sabbie mobili inerziali, oramai da immemori tempi, chiudendo così il ciclo dell'era della conoscenza nostrana dello 'status quo'.