Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 15 gennaio 2016

La formazione non è online

formazione formatori scienze della formazione web learning

No non intendo, certo dire, che la formazione è allergica alle tecnologie;

il senso del post per dare un seguito al titolo emergerà con le sue conclusioni, mentre, il contenuto si dipana da una breve riflessione sul settore,

brevemente la mia domanda:

"Perché se faccio una ricerca con le parole chiave 'Formazione-Firenze' su Google ciò che compare nelle prime pagine di ricerca sono solo istituzioni? 

La formazione online è solo affare delle istituzioni? 

Insomma, cosa pensereste se per cercare, per esempio, un personal trainer,  si aprissero solo SERP indicanti che so': il comune?

Al massimo vi è qualche agenzia, ovviamente, accreditata dalla: Regione Toscana...guarda caso..


3 anni su questo blog a parlare di Formazione Online e Web Learning
Dopotutto, dopo tre anni di lavoro online ferie e festività incluse esenmalanni è doveroso fare il punto della situazione perché se è vero che il mio ranking deriva da i click dei visitatori del blog è anche reciprocamente lecito pensare che se non posso riporre alcuna speranza di raggiungere posizionamenti di livello la mia esistenza come freelance sia già predestinata in partenza.

Analizziamo i fattori tecnici
Giusto per fare chiarezza tra i fattori più importanti oltre al rispetto dei famigerati 200 fattori di ranking dell'algoritmo di Google  e svariate altre stregonerie SEO vi sono l'importanza di scrivere contenuti rilevanti in una specifica 'nicchia' e la pulizia/ correttezza tecnica necessaria per presentare il contenuto e rendere il suo consumo/lettura agile e facilitato come la lettura online impone.

Antonio Luciano Formazione motori di ricerca posizionamento







Una questione di nicchia?
Essendo la nicchia delle scienze della formazione assai ristretta, intendo come blogger che ne parlano e la trattano come letteratura, e quella del web learning avente come unico "competitor" solamente Trio il sistema di web learning di Regione Toscana che per la cronaca non ha neanche un blog e che oltre tutto come portale pare produrre solo a livello top secret (ovvero pochi lo conoscono e fra poco neanche i dipendenti Regionali sanno di cosa si tratti) mi chiedo se ci sia dell'altro, qualcosa che mi sfugge.

E i competitor quali e dove sono?
Perciò il mio ragionamento è il seguente: se non vi sono autori che scrivono mi viene difficile pensare anche che i miei contenuti non siano di livello, sulla pulizia tecnica idem sia per il medesimo dato di fatto che per la maniacale attenzione con cui curo ogni singolo post;

..certo, sono conscio che non si smette mai di imparare ma anche che la frequenza con cui scrivo è a cadenza quotidiana da un paio di anni se non qualcosa di più;

quindi, anche i ritmi della produttività, sono liberi da sospetti.


 CONCLUSIONI 
A) Senza chiamare in causa teorie del complotto mi sembra che trattasi di un bel conflitto di interessi che a mio avviso dovrebbe far sentire partecipi e chiamare in causa tanti formatori quanti progettisti della formazione e web learning designer che intendono lavorare online e magari come liberi professionisti.

B) Oltremodo, non mi sembra la testimonianza di un paese democratico, tanto meno, della presenza di un libero mercato nelle professioni delle scienze della formazione ma neanche un indicatore di qualità del settore ne' un indice di salute dello stesso.

Ovviamente la discussione è stata solamente aperta;

C) riempiamo i commenti di idee, critiche, suggerimenti, magari, apprendo se esiste anche l'ombra di una sola opportunità.


Scarica gli ebook per aprire il tuo blog