Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

mercoledì 6 aprile 2016

Devi fare marketing se vuoi vivere del lavoro che fai!

marketing blogging blogger lavorare online

Uno degli errori che a mio avviso commettono un discreto stuolo di professionisti tra cui si annoverano anche i blogger che si apprestano a divenire specialisti web ovvero a fare della propria attività online un lavoro è che al di la' del tanto impegno profuso nutrono rispetto al marketing una visione distonica giudicandolo come argomento "altro" rispetto al proprio fare tanto da tramutarsi in una sorta di avversione, un interesse scorporato dal proprio business quasi come fosse visto e vissuto quale cosa/ elemento ameno ad esso.

Il marketing sta' al blogger come l'acqua alla sopravvivenza della specie animale

"Quando, invece, il marketing è un aspetto fondante della propria attività online da cui non si può certo prescindere ne tanto meno trascendere..

Al pari della visione romantica che vede il SEO come pratica occulta quasi sporca mentre invece è per converso un punto di partenza per la corretta scrittura online il marketing è valutato da una prospettiva piuttosto controversa ma non necessariamente dovuta ad una forma qualunque di pregiudizio bensì in questo senso alla pigrizia mentale.

Il marketing del web 3.0 non è quello trascorso e passato di internet
Magari perché inizialmente qualche anno fa' acerbi blogger, com'è naturale che sia, data la vicinanza temporale all'era internet pensando al marketing visualizzano ancora quella versione molesta e fastidiosa che irretiva così tanto le utenze e adesso ciò li rende reticenti nell'apprendere determinate linee guida e suggerimenti mirati al fare marketing.

Dopotutto, trattasi, di un contro senso in quanto tra i primari obiettivi si annoverano proprio quelli di riuscire a farcela che poi equivale se non altro a vendere il proprio prodotto.

Temo che alla base vi sia una motivazione comune che coinvolge anche se in maniera differente le parti in gioco dove da una parte vi sono i formatori che fanno formazione sul marketing e dall'altra le persone interessate a vendere online.


formazione marketing


A ciascuna cerchia sociale uno specifico piano strategico di marketing
In altri termini i primi partono da cerchie di professionisti che non equivalgono alle carriere cui intendono formare e perciò si prodigano in suggerimenti che se pur spendibili convertono poco o nulla se non frustrazione mentre i secondi spesse volte anziché aver realizzato qualcosa da zero non hanno ancora superato quella fase di aver prodotto qualcosa che pensano subito a vendere sperando nel miracolo da parte di sedicenti guru e quindi non ha la benché minima idea di cosa significhi prima percorrere l'impervia quanto incerta via dell'inventarsi un lavoro attraverso il web.

Il marketing web dovrebbe partire dagli specialisti che inventano il lavoro
Tutto ciò mi fa' sempre pensare alla metafora del personal trainer che ho personalmente maturato dopo anni di frequentazione delle palestre in compagna della mia amata e fedele ghisa ove atleti scelgono i propri mentori della cultura fisica per giunta pagando un surplus e che da una semplice disamina visiva dimostrano che ai propri sforzi corrisponde anziché un miglioramento una involuzione;

le spiegazione sono molteplici ma ciò che conta è che tali professionisti non vengono valutati in base a risultati su atleti di élite o specialisti bensì su un target appartenente ad una cerchia il cui livello di expertise è assai distale da essi da cui appunto ne consegue una valutazione ben lungi dal giudicare gli interventi formativi come incompetenti ma palesemente distonica rispetto agli obiettivi proposti rivelandosi, invece, non sufficientemente adattivi, flessibili tanto da non risultare efficaci.


CONCLUSIONI 
Perciò ben venga il marketing le sue strategie, linee guida e suggerimenti ma che esso si riveli centrato rispetto a tutte quelle che definisco "cerchie" (termine preso in prestito dal social media network +Google+ ) in riferimento alla eterogeneità delle stesse per avvalorare la mia tesi sulla soluzione della questione rispetto alle criticità che presenta la formazione sul marketing online attraverso, appunto, la loro spendibilità pragmatica e poi magari anche e perché no professionale.

"Se poi questo tipo di risultato è misurabile attraverso la parola "successo" allora ben venga il suo uso!


 Ricevi i post del 'Antonio Luciano blog' comodamente al tuoi indirizzo email: