Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

venerdì 27 maggio 2016

I blogger non invecchiano mai

blogging blog blogger

Mentre la fuori nel mondo fanno le cose serie oggi non riesco a smettere di pensare al futuro del blogging che se da una parte porta progresso dall'altra fa inesorabilmente rima con la parola vecchiaia di noialtri blogger. (sigh..)

A parte immaginarmi esteticamente sempre più canuto e stanco, meno combattivo ma sempre più scontroso e burbero e tralasciando volontariamente diavolerie tecnologiche e fantascientifiche di cui si vedono sin da ora tutti i presupposti ciò che più mi interessa sono i contenuti ed il loro futuro.


Visioni dal futuro sul blogging

Se non continueremo ad approcciarci all'uso di una tastiera chissà se qualcuno avrà ancora terreno per poterci mettere a tacere ricordandoci che poi dopo tutto,

"trattasi solamente di un blog..

e per cui non vi è motivo ne ragioni di così tanta attenzione/ preoccupazione nei suoi riguardi.

Magari qualcuno farà una ricerca se quest'ultima sarà ancora esistente (pare a dirla così na' roba da macchina del tempo) e pescherà questo mio post in cui dico che bloggare per i blogger è come un comandamento!

A tratti riesco anche ad immaginare un domani fatto da una blogosfera in cui i contenuti emergano per il loro reale valore intrinseco e la libertà di parola ne è l'alfiere ma temo che sia una proiezione delle necessità attuali piuttosto che un riporre una reale speranza sul futuro.

Capisco benissimo che suona deprimente ma dalla mia prospettiva almeno per il momento rispetto all'avvenire è che pare disvelarsi sempre peggio di ciò che ci lasciamo alle spalle e per quanto riguarda il nostro contributo come blogger perlomeno nostrani non siamo certo quel che si definisce una primavera araba.

Ho paura anch'io per primo e non è certo una confessione; viviamo in tempi la cui censura è più potente di quelli trascorsi ma si cela dietro uno stato di ipocrisia imperante.


Se sei un blogger appartieni agli immortali

Si lo so non è vero anzi siamo fragili, spesso sotto un ricatto invisibile ma implicito ogni qual volta iniziamo a scrivere ed oltretutto siamo sminuiti culturalmente da una società che non solo non ci riconosce come "specialisti" ma spesso per giunta rincara la dose dipingendoci come vili diffamatori e quant'altro c'è di spregevole nella natura umana quando si nasconde dietro ad uno schermo per scrivere sul web.

Sintetizzerei, altrimenti, con la parola feccia!

..Eppure sono convinto che a molti di loro non prudano certo le mani quando effettuano ricerche su questo e quell'altro argomento e trovano la loro risposta presso qualche blog ma con molta probabilità tale è il livello di competenza che non riescono neanche a fare il collegamento, insomma, roba da autentici retrogradi bacchettoni e rigidi in rigor mortis bigotti (frustrati).

E' un po' come non tutelare mai gli studenti universitari ed i loro diritti (civiltà = classe lavoratrice + studenti universitari) magari denigrandoli pure e poi pretendere di andare dal dentista:
a sto' punto togliteli da solo allora i denti, no?

Ma noi ci stiamo dimostrando perseveranti ed immortali rispetto a tutto ciò e abbiamo sviluppato nel tempo una tempra d'acciaio inossidabile alle offese ed alle diffamazioni!

"Cosicché impermeabili alle infamate puntiamo dritti al futuro!

I blogger non invecchiano

Ciò che stiamo facendo adesso nel bene e nel male determinerà il futuro?

Difficile rispondere sicuro invece che però esso determini l'aria che respiriamo nel presente mentre sul futuro oramai non si può fare molte previsioni attendibili.

La tecnologia muta troppo velocemente rispetto al passato in cui si ragionava in termini di "ere" mentre adesso si fatica a parlare di bienni...

E noi blogger invece come ci poniamo al cospetto del tempo?

Beh, noi siamo come i rocker, presenti i Rolling Stones, gli AC/DC, i Pink Floyd;

vi sembrano per caso invecchiati?

"I blogger sono rock e non hanno età al pari dei rocker!