Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

sabato 6 agosto 2016

Blogger, blogging e paradossi


blogger blog blogging

Uno dei paradossi più controversi del fare blogging è l'atto di pubblicazione non ditemi che non ci siete passati anche voi tanto meno sui social media-network di essere additati come afflitti dalla sindrome dell'attore, come dite non ne avete mai sentito parlare?

Il blogger è come un attore che recita, il web il suo palcoscenico
In parte avete ragione perché me la solo inventata proprio io su due tasti la sindrome dell'attore ma sono certo che se vi spiego a cosa alludo ci troverete immediatamente diversi gradi di familiarità, in pratica trattasi di quando le persone solo perché avete reso pubblico un contenuto sono convinte che ciò che avete scritto corrisponda al vero ed esattamente a ciò che pensate nella parte + intima della vostra mente insomma vi corrisponda al pari di come molti da bambini credevano una volta agli esordi della televisione che gli attori morissero per davvero.


La capacità critico-riflessiva meglio non abusarne nella scrittura online
Per coloro che commettono questo errore di valutazione tra la verità e l'interpretazione è come se vi fosse una distanza incolmabile e a poco servono le vostre spiegazioni a posteriori tanto le prenderanno solo per inutili giustificazioni, toppe con cui cercherete si colmare o coprire una colpa inesistente. E stando ai dati e a ciò che si dice sull'analfabetismo funzionale-semantico nostrano temo che stringere delle conclusioni sia più facile del previsto e non siano necessarie più di tante analisi sulla questione. Non mi dilungo neanche tanto nel fornire spiegazioni, salto direttamente ad un suggerimento:

"chi scrive sul web deve tenerne comunque conto di non essere compreso da tutti e tale tarlo non lo deve certo logorare più di tanto.


blogging scrittura online web blogger


Il paradosso sul paradosso del blogger
Specularmente invece mi da da riflettere è il paradosso sul paradosso del blogging ove il blogger è solito usare l'ironia nota per cavalcare i paradossi proprio per rendere il tono di voce ed il registro comunicativo più accessibile e leggero nella fruizione  dei contenuti quando in verità proprio per la ragione appena riportata sull'analfabetismo funzionale-semantico è motivo di ulteriore complicazione.


Un autentico rompicapo
Perbacco trattasi di autentici rompicapo che possono benissimo essere ignorati ma in un certo qual senso sono capaci di influenzare non proprio positivamente la capacità di espressione attraverso la scrittura sul web quel tanto che basta per renderla asettica, priva di linguaggi "altri" rispetto alla norma, poco incline all'impiego della capacità critico/riflessiva e perciò di rimando esclusivamente fatta a prova e su misura di un utente standardizzato sul più piatto dei profili.



Di chi la responsabilità? Forse del web?
Non mi sento di condannare il web per tutto ciò solo che sin'ora la giustificazione al conformismo rispetto all'uso degli altri media che lo hanno preceduto (TV, radio, giornali..) risiedevano nella tipologia gerarchizzata di comunicazione che prende il nome in gergo di 'uno verso molti' mentre adesso con il suo potenziale intrinseco 'molti verso molti' in cui ciascuno di noi è attore protagonista del processo globale è sempre giusto delegare la responsabilità al mezzo-strumento-media?


Analfabetismo funzionale: la situazione Italiana

analfabetismo funzionale italia



Il web siamo noi e lo facciamo noi, ma in che misura? Come singoli quanto contiamo rispetto alla maggioranza, ed alla totalità dei presenti coinvolti? Temo sia il dramma contemporaneo di ciascuna democrazia ma anche un importante riferimento orientativo per ciascuno intenda cimentarsi con la scrittura online e d'indicazioni preziose per puntare a coinvolgere eterogenee tipologie d'utenza.



Ricordati di iscriverti GRATIS alla NEWSLETTER adesso per rimanere sempre aggiornato! !NO SPAM!

Inserisci il tuo indirizzo email:



Delivered by FeedBurner