Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

mercoledì 24 agosto 2016

Content marketing Revolution

content marketing blogging blog
Da un po' di giorni a questa parte mi sto arrovellando sulla questione content marketing e quanto esso rappresenti in termini romantici una rivoluzione nel web o altrimenti l'ennesimo trend momentaneo e passeggero. E' un tema di cui ho già parlato abbondantemente con Shape Beyond Graphic ma su cui mi sento di dover ritornare per fare maggiore chiarezza e magari capire cosa stia realmente accadendo. Chi mi segue da tempo ricorda sicuramente che alludei addirittura facendo riferimento al content marketing proprio ad un tipico caso che da addetto ai lavori/indagatore dell'incubo delle Scienze umanistiche mi sono sentito di denominare come affetto da inversione paradigmatica.

Se il contenuto è Re è stato appena spodestato 
I temi in fatto di content marketing riconducono più o meno tutti allo stesso argomento che ci ricorda quanto il contenuto sia il Re del web, pressappoco facendo quasi sempre riferimento alla solita frase triae e ritrita oltre che arcinota: "content is king" e da me più volte messa in discussione e confutata in quanto se vi è un media da eleggere come sovrano incontrastato del web è a mio avviso il blog mentre ai contenuti spetta il ruolo più idoneo di suoi sudditi.

Spesse volte nei post che ho dedicato al content marketing mi sono prodigato nell'enucleare vantaggi e virtù di questo web trend che è portatore intrinseco di un cambio epocale online sempre più improntato alla valorizzazione dei contenuti nella fattispecie quando si rivelano di qualità; ciononostante mi chiedo se non sia solo da considerarsi solo una mia analisi personale quando invece ciò che cova sotto le ceneri è sempre il solito fuoco fatto di tanta venialità e specchietti per gli indigeni insomma ho il timore che possa trattarsi del solito marketing ma solo propinato sotto mentite spoglie.

Dopotutto la mia riflessione prende spunto dal dato di fatto di quanto nel web tutti siano sempre stati schiavi e continuino ad esserlo dei contenuti a partire dai social media-network che certo non brillano ad emancipazione in questo senso; quindi, perché mai si dovrebbe parlare di una rivoluzione in atto quando invece trattasi solo dell'ennesimo scambio di "merce" in ecosistemi digitali?

blog contenuti content marketing


La guerra del content marketing
Piuttosto suonerebbe più adeguato come titolo "Content marketing War" ad indicare l'alto livello di competitività esistente tra blogger al fine di far emergere i contenuti per farli infine consumare dalle utenze ma temo che tutto ciò spazzerebbe nell'immediato quell'alone di romanticismo di stampo umanistico che più volte ho chiamato in causa e che ho eletto a portatore di un periodo carico di opportunità per i blogger -web writer alias gli specialisti della cura e della gestione dei blog aziendali.

Eppure è anche una dannata verità! E' in corso una guerra che si combatte ogni giorno tra colleghi blogger i quali si sfidano a suon di bombardamenti continui di contenuti che si manifestano oltretutto a tappeto sul web.


Il web un media che insegna a saper fare
Purtroppo questo vizio di indorare la pillola usando paroloni e concetti altisonanti è un vecchio trucco da umanisti inconcludenti a dispetto del loro tergiversare oramai solo teorico ho sempre lavorato con con la testa nelle teorie ed i piedi nella pratica; in altri termini dando valore e prediligendo solo a ciò che è formazione teorico-pragmatica spesa per riflettere e poi ad apprendere per infine saper fare.


La rivoluzione è capeggiata da un solo leader al comando: il blog 
In questo aspetto trova lo chiave di volta che spiega la rivoluzione attualmente in atto nel web ed il vero valore intrinseco ai contenuti i quali una volta pubblicati online vengono selezionati qualitativamente prima dai motori di ricerca e poi democraticamente dalle utenze per ciò che realmente essi hanno da offrire ma giovano inoltre di essere ottimamente contestualizzati ed organizzati tematicamente attraverso i blog che li categorizzano per parole chiave indispensabili per le ricerche online.

Tutto ciò avviene senza inganno ne' raggiro alcuno e se ne convenite insieme a me rappresenta molto più che un trend flebile e passeggero perché il web offre oltre alla trasparenza professionale una forma di auto-gestione e responsabilizzazione di gran lunga più efficace e di valore rispetto a quella sino ad ora esistente nel mondo reale quello dei ruoli e delle gerarchie.


Ciascuno è coinvolto in questo processo soggettivo e collettivo di personal branding altamente competitivo ma anche splendidamente onesto e trasparente da considerarsi democratico quando specchio valutativo della collettività e soggettivo come ricerca del proprio Se' professionale, ed in tutto ciò non è tanto il content marketing ad essere rivoluzionario bensì il web e come ci sta' cambiando professionalmente.

Dall'origine dei media oggi come non è avvenuto mai tutti hanno l'opportunità di divenire imprenditori di se' stessi!


Non perdere neanche un post
iscriviti alla
NEWSLETTER
newsletter blog antonio luciano
!NO SPAM!

Inserisci il tuo indirizzo email:




Delivered by FeedBurner