Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

giovedì 16 febbraio 2017

Intervista Maurizio La Cava Presentation Designer

intervista Maurizio La Cava Lean presentation design
Intervista a Maurizio la Cava autore del libro: 'Lean Presentation Design' creare la presentazione perfetta in un batter d'occhio.

Sapete quando spulciando il blog di uno specialista web trai vostri preferiti - per la precisione +Alessandro Scuratti - intercettate un contenuto di vostro interesse che parla a sua volta di un altro professionista che non appena capite di cosa si occupa non resistete dal contattarlo anche voi per parlarci, documentarvi ed eventualmente chiedergli l'opportunità di intervistarlo per approfondire? Lean Presentation Design, di Maurizio la Cava ∽ RECENSIONE è l'articolo in questione; dopodiché complice nell'aver calamitato la mia attenzione/interesse il mio trascorso accademico che per un periodo della mia vita ha colliso con le Scienze della Formazione e le tecnologie dell'istruzione - si lo ammetto mi vergogno a dirlo - e che quando è stato richiamato all'ordine dal tema di imparare a realizzare presentazioni efficaci beh mi è suonato come un invito a nozze.

Se poi ci mettete che una volta entrato in contatto con +Maurizio La Cava - mauriziolacava.com - ho trovato innanzitutto una persona eccezionale e disponibile con una pazienza a prova delle mie insistenze anche le più irritanti prima ancora che uno specialista ferrato, competente ed iper-reattivo nel rispondere ad ogni mio quesito capirete a questo punto come l'intervista in realtà si sia fatta da sola.. ecco non proprio, ..diciamo piuttosto che nasce da una situazione insolita più precisamente da una sorta di dialogo socratico in modalità telefonica da cui è scaturito un confronto che ha dato atto ad essere trasposto in seguito quasi direttamente e fedelmente nelle domande che seguono.

Meglio che ora lascio parlare loro che di tempo prezioso ve ne ho già eroso abbastanza e più del dovuto.


Maurizio ti andrebbe di cominciare con le una breve presentazione in relazione al tuo percorso formativo e parlandoci di cosa ti occupi in particolare?

Mi occupo di Presentation Design ma sono un ingegnere, mi sono specializzato in Corporate Finance ma ho lavorato nel Marketing ed alla fine ho capito che la mia passione è disegnare la mia strada in autonomia. Sono uno di quegli imprenditori digitali che fa per passione. Oggi sono autore del metodo Lean Presentation Design e founder di un’agenzia di consulenza direzionale che si occupa di applicare questo approccio in ogni realtà in cui c’è bisogno di migliorare o stravolgere l’approccio comunicativo alle presentazioni. Questo lavoro, gestito in maniera totalmente digitale, mi permette di spaziare tra realtà totalmente diverse, dalla piccola startup alla grande multinazionale.  

Il tuo libro Lean Presentation Design che argomento tratta? A lettura conclusa è possibile maturare un proprio metodo al fine di rendersi autonomi nella progettazione per realizzare delle presentazioni efficaci? E’ il 1° testo in italiano o ne esistono altri nostrani di letteratura sull’argomento?

Il mio libro illustra un approccio innovativo al Presentation Design tradizionale. Io credo che non tutti possiamo diventare designer ma quasi tutti ci troviamo a fronteggiare presentazioni nella nostra quotidianità. Cosi ho deciso di declinare l’efficacia del Presentation Design nel quotidiano sfruttando metodologie “lean” per sistematizzare il metodo e permettere a chiunque di creare presentazioni efficaci in breve tempo. Dopo aver letto il mio, come qualsiasi altro libro, credo sia necessario mettere in pratica i consigli e fare proprio il metodo sviluppando un proprio stile. Certamente il metodo aiuta a passare dalla teoria alla pratica con l’ausilio di numerosissimi esempi pratici. 

La letteratura sul Presentation Design è ricca soprattutto all’estero. In Italia ti posso dire che è il primo su Amazon!

Lean presentation design Maurizio La Cava Amazon

Quanto ci hai messo a scriverlo?

Ci sono voluti circa tre anni di esperienza e di appunti per poter condensare le riflessioni e sviluppare un metodo che fosse trasferibile. L’insegnamento mi ha aiutato molto a capire come trasferire questa conoscenza.

In cosa differisce il tuo metodo dopo aver importato dagli States tale settore disciplinare, che prospettive hai per il futuro e quanto ritieni ci sia bisogno di “educare” in questo senso nel nostro paese?

Sono un grande cultore della materia e, benché creda che sia molto affascinante, ritengo che non sia di facile accesso a tutti, o perlomeno a tutti coloro che ne hanno bisogno realmente ed in tempi rapidi. Per questo il mio metodo è un tentativo di democratizzare il Presentation Design in modo da poter portare beneficio a chiunque realizzi presentazioni senza pero’ pretendere che si diventi tutti dei presentation designers. Il mio metodo si concentra sulla progettazione dell’esperienza dell’audience sulle slide più che sulla vera e propria grafica. 

Credo ci sia un mercato molto florido e ricco ma c’è poca consapevolezza da parte dei consumatori. Non ci si rende spesso conto di quanto possa costare lasciare che un dirigente o un direttore sviluppi le sue presentazioni (che poi spesso risultano comunicativamente mediocri). Intendo sviluppare questo mercato e fare rete, in Italia siamo pochi e divisi. Sarebbe bello cominciare a conoscersi e magari collaborare. Sogno un giorno un Presentation Summit Italiano, in Sicilia o in Sardegna, cosi ricco e numeroso da fare invidia a quello di Las Vegas! Per questo ho creato il primo gruppo Facebook di Presentation Designers Italiani, ma ti posso assicurare che è davvero difficile scovare gente davvero brava (qualche piccola gemma c’è e già interagiscono nella community).

Ancora, a tal proposito in che situazione versa l’Italia sia a livello accademico che professionale? Mentre negli Stati Uniti le cose come stanno? Ci tratteresti una linea diacronica di sintesi della disciplina e brevemente un quadro sincronico?

Ogni volta che si compara il nostro paese con il resto del mondo si finisce sempre con lo scatenare polveroni di discussioni. Non mi voglio dilungare ma ti posso dire che il Presentation Designer è una professione largamente consolidata in USA, basti guardare linkedin jobs e capisci subito di cosa parlo (vedi immagine seguente): 

presentation designer linkedin jobes lavoro

Personalmente non credo che avere qualcuno davanti che abbia fatto molto più strada di noi significa anche avere l’opportunità di sapere quali sono gli errori da non ripetere. Pertanto, da Italiani, credo che dobbiamo affinare la nostra capacità di osservare ed apprendere dagli altri per portare da noi valore più rapidamente e più efficientemente. 

In un mondo ideale o del futuro neanche tanto prossimo venturo ritieni plausibile che il ‘presentation design’ dovrebbe essere inserito nella gran parte dei percorsi formativi di stampo accademico? 

Assolutamente si! Dopo 5 anni di università la prima cosa che mi hanno chiesto di fare in azienda era una presentazione. Ero preparatissimo su modelli matematici e finanziari super complicati e quando mi sono trovato a fare una presentazione mi sono trovato a dover cominciare dalle basi. Tutti facciamo presentazioni all’università e tutti usiamo gli strumenti ma realizzare una presentazione efficace è tutta un’altra storia. 

Inoltre, la mia come le altre esperienze, mostrano che il presentation design è una professione che ha mercato.

Giusto per far capire la caratura della professione del ‘Presentation designer’ e le opportunità potenziali ad essa intrinseche è vero che hai maturato esperienze ed ingaggi anche con aziende prestigiose, Top leader di mercato, multinazionali e Start Up?

Assolutamente si, per un dettaglio di nomi e referenze fai un giro su mauriziolacava.com ☺

Maurizio La Cava Lean Presentation Design libro libreria


Maurizio penso sempre che a livello accademico un docente corrobora le proprie teorie, ipotesi e tesi prima con un libro e poi corona le proprie validità attraverso la messa in pratica delle stesse se non erro tu non solo sei a favore delle medesima prospettiva ed opinione ma fai entrambe le cose, ti va di parlarcene?

Come dicevo già al punto precedente confermo che teoria e pratica devono combinarsi insieme. Infatti durante i miei corsi di formazione spesso organizzo esercitazioni guidate in aula che permettono agli allievi di mettere subito in pratica le tecniche illustrate ed a me di comprendere lo stato di avanzamento della classe.

E’ vero che per farti arrabbiare è sufficiente dirti che il presentation design è solo power point? Come le realizzate le presentazioni, quali sono i tools? E quale il processo di realizzazione? 

Ahahah si è vero! Per questioni di praticità uso PowerPoint in modo da poter consegnare un file ai miei clienti che poi possano modificare e far evolvere nel tempo anche senza il bisogno di chiamarmi costantemente. Ovviamente faccio largo uso della suite Adobe ma in generale credo che il Presentation Design prescinda dal tool che utilizzi. Per questo motivo richiedo sempre un buon livello di conoscenza degli strumenti per realizzare presentazioni per frequentare i miei corsi.

Inoltre, gira voce che se non ci sono riusciti con il precedente espediente ad innervosirti almeno un po’ basta dire che: “una presentazione fatta bene si presenta da sola”, sbaglio? Detto altrimenti che rapporto di interdipendenza vi è tra relatore e presentazione e nel mezzo come si pone l’operato del presentation designer per fare la differenza rispetto al Fai da te?

Nella mia opinione,  le slides sono e devono restare un supporto al relatore. L’audience dialoga con il relatore, è un dialogo tra persone non con strumenti. Le slides aiutano l’audience a visualizzare per comprendere più rapidamente e per ricordare più a lungo quanto sta dicendo il relatore. Delle buone slides non possono spiegarsi da sole poiché allora a cosa servirebbe il relatore?

Si può apprendere a fare il presentation designer dopo aver letto il tuo libro o perlomeno come diventare sufficientemente autonomi?

Credo di aver già risposto.

La letteratura del tuo libro è prevalentemente e prettamente  di natura teorica o fornisce esempi pratici, esercitazioni?

Come già accennato il mio libro ha l’ambizione di democratizzare il Presentation Design e quindi renderlo accessibile a tutti. Per questo motivo il mio libro è una ricca collezione di esempi pratici che guidano il lettore passo passo all’applicazione delle tecniche.

In cosa consiste il tuo MLC PowerPoint Addin?

Ogni volta che ho bisogno di una funzione in PowerPoint che non esiste, me la sviluppo e la sfrutto per velocizzare i miei processi di produzione. Raccolgo e distribuisco in un addin per PowerPoint tutte le funzioni custom che sviluppo per me. Per maggiori informazioni fatti un giro su: http://mauriziolacava.com/my-addin, c’è un video che mostra le funzionalità e come usarle.

Ti occupi anche di fare formazione per far apprendere a diventare presentation designer? Hai in previsione futura di fare corsi anche al di fuori dell’ambito accademico?

Mi occupo di formare le risorse che poi lavoreranno con me. La maggior parte delle mie attività di formazione si svolgono al di fuori dell’ambito accademico.

Oltre alla modalità in presenza di stampo tradizionale contempli anche format digitali “a distanza” come webinar, video-tutorial, Podcast, blogging, ecc.?

Assolutamente si! Ho fatto diversi percorsi formativi a distanza ed ho studenti che mi seguono in tutto il mondo.

Esiste una qualche forma di utilità o di intersezione tra blogging e presentation design? Qualche collega ti ha mai già ingaggiato? 

Mi è capitato di lavorare per un blogger che aveva bisogno di trasformare i propri post in presentazioni. Sono appassionato di blogging e scrivo personalmente ogni guida del mio blog. Lo uso per trasferire esperienza maturata sui progetti e condividere tools che permettono il mio audience a velocizzare la realizzazione di presentazioni.


formazione presentazioni efficaci corrette slide
MLC -Lean Presentation Design


Maurizio ti va di chiudere offrendo qualche anticipazione sulle tue previsioni future, progetti, iniziative che esulano dalle aspettative personali ma siano volte a dare il giusto status al presentation design al momento relegato ancora in una nicchia assai ristretta ma dal potenziale intrinseco così alto ed incisivo nonché importante?

Come ti dicevo, sogno il giorno in cui si parlerà di Italian Presentation Summit. Ho tante idee e già delle attività in cantiere, ma prima ci sono tante altre slides di cui mi devo occupare!


CONCLUSIONI

Questa è una di quelle rare occasioni in cui tutto quello che c'era da dire è già emerso dalle risposte dell'intervistato insieme a Maurizio la Cava in fase di design ci eravamo preposti e ripromessi di non marginalizzare l'obiettivo di fare l'intervista con la sola finalità di invogliarvi a leggere il libro e di centrare la trasmissione del 'messaggio' che chiunque a lettura ultimata avrebbe appreso a scrivere presentazioni efficaci scevre da errori e figlie di una forte riduzione delle criticità, se poi siamo riusciti al contempo a fugare anche qualche dubbio, perplessità, convinzioni sbagliate e superstizioni varie ancora resilienti in merito alla tematica/settore disciplinare preso in esame ebbene allora abbiamo raggiunto l'altro di farvelo leggere ripagandovi con un contenuto utile e spendibile oltre che di qualità, GRAZIE Maurizio e complimenti!

Ti è piaciuto il contenuto? 
Allora pensa agli altri, 
CONDIVIDILO