Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

martedì 4 aprile 2017

Intervista a Roberto Gianpiero Protano - SEO Specialist Web Marketing Strategist Web Writer

Intervista Roberto Gianpiero Protano blogging copywriting SEO digital marketing
Intervista a Roberto Gianpiero Protano SEO Specialist-Web Marketing Strategist-Web Writer- Fondatore e Content Editor di Webcultura.it su: blogging, copywriting, formazione, digital marketing, comunicazione, lavoro, millennials.

Premetto che ho scritto di getto questa prima parte dell'introduzione perché durante l'editing mi è caduto l'occhio sulle conclusioni del file che mi ha inviato - colpa del copia/incolla - e confesso inoltre che sto smadonnando perché il nuovo progetto che Roberto avvierà presto 'recensioninotebook.it', giusto qualche giorno fa', mi sarebbe stato dannatamente utile per ultimare un acquisto. Come si dice in questi casi, utente avvisato mezzo salvato?

Questo perché mi fido ciecamente delle sue abilità e dal suo blog Webcultura.it sono solito attingere a mo' di fonte della saggezza una masnada di suggerimenti/consigli super utili.

Di cosa vado parlando?

Sono certo che letta l'intervista le sue risposte valgano più di altrettante mie parole per descriverlo. Roberto è un blogger-copywriter che parte dal pianificare strategie nelle sue multi-attività online con una forte attenzione alla solidità SEO dei blog e dei testi che produce cosicché da garantirne risultati super efficienti, efficaci e che si posizionano al 🔝

Un aspetto tecnico per niente trascurabile e da cui tutti noi blogger-copywriter dovremmo prendere ad esempio e da cui imparare!

Nel suo caso basterebbero i risultati che raggiunge a parlare ma per nostra fortuna Roberto Gianpiero Protano ci ha dedicato un bel po' del suo tempo prezioso e tanti contenuti da cui possiamo attingere importanti aspetti ed ispirarci e di cui sono certo, quando applicati, alle nostra attività online, non potremmo che giovarne.


Ciao +Roberto di webcultura ti andrebbe di iniziare parlandoci un po’ di te, della tua formazione e di cosa ti occupi attualmente?

Ciao Antonio, intanto ti ringrazio per l'intervista, è davvero un piacere.
Sono cresciuto immerso nella tecnologia: da piccolo le consolle da gioco, poi i pc e a 19 anni ho intrapreso la via del business, aprendo prima un negozio fisico di abbigliamento, poi un e-commerce b2b. Ho da subito cominciato a studiare il marketing, la SEO e tutto ciò che gira intorno al mondo del web. Sono un web surfer instancabile e amo imparare sempre cose nuove (sia nel mio settore, sia in altri... adesso ho acquistato una Mirrorless e sto studiando anche da videomaker). Ho avuto modo di affinare le mie competenze grazie anche al lavoro svolto per Latinet.it, mentre ora collaboro con diverse aziende e mi dedico al mio sito webcultura.it (e ne sto creando un altro).


Antefatto: Roberto, scusami se ti do’ del giovane blogger ma è solo per una mera questione anagrafica vista la mia vecchiaia incipiente quindi non per ragioni assolutamente imputabili all’esperienza, lungi da me. Per tanto ho intenzione di porti alcune domande nel corso dell’intervista per vedere se esistono effettivamente  delle differenze sostanziali tra la generazione k aka "millennials" e la mia che se non ricordo male dovrebbe essere rimasta alla X, insomma, all’era paleoweb.


Iniziamo pure dal tema portante: come mai hai aperto un blog e cosa ti aspetti dal fare blogging?

Ho iniziato un po' per gioco, volevo mettere su un mio progetto, mi è sempre piaciuto lavorare autonomamente, senza “lavoro fisso”. Piano piano sto trasformando il mio blog in una fonte di guadagno stabile: affiliazioni, infoprodotti... questo è il mio presente e imminente futuro.

Il blogging per me è un lavoro ed un piacere, mi sento fortunato!


Osservando i blog più rinomati presenti online ho appreso taluni aspetti del fare blogging ma non certo quelli di me più caratterizzanti, è successo anche a te?

Hai seguito/ segui un percorso formativo strutturato per diventare blogger o sei anche tu un autodidatta? Hai mai pensato di frequentarne uno?


Non voglio cadere nel banale... però secondo me blogger un po' lo si nasce!

Se non hai coltivato una passione per la scrittura quando eri più piccolino, difficilmente poi riesci a portare avanti un blog per più del tempo necessario ad emergere (infatti tanti blog nascono e chiudono battenti nel giro di 1 anno).

Ho letto molto, ma non ho mai frequentato corsi “per fare blogging”, ognuno deve trovare il suo stile personale (o meglio, lo coltiva da quando è piccolo).


Il web così com’è, indefinibile quant’è vasto, lo trovi calzante con i tuoi sogni/desideri/necessità?

Lo trovo abbastanza vasto per poter accogliere anche le mie idee, i miei progetti.


Nutri delle aspettative professionali nei confronti del web?


Direi che attualmente ha già ripagato gran parte delle mie aspettative, professionali e non 😊


Quanto c’entra la passione con il fare blogging e quanto la ricerca ossessivo parossistica per diventare specialisti al fine di creare post-prodotti perfetti?

La passione per me conta tantissimo, senza di quella non si ha la forza/costanza per “affermarsi”. I post perfetti non esistono: la perfezione non credo la si possa raggiungere (e non esistono neanche le guide “definitive”...).

In un prossimo futuro hai in visione di fare corsi formativi, podcast, video-tutorial per fare formazione con le tue competenze maturate come blogger-specialista web?

Gratuiti o a pagamento?


Certamente.
Oltre alle affiliazioni, ho in mente molti altri progetti, tra cui un video-corso (devo pur sfruttare la mirrorless), per “raccontare” agli altri di come ho fatto del blogging una fonte di guadagno stabile, investendo in 2 anni circa 150,00 euro... non di più!
Inizialmente credo di sfornare qualche contenuto gratuito: è giusto che gli utenti si facciano un'idea dei contenuti che potranno poi acquistare.


Nella pagina about del tuo blog ci sono tante certificazioni: che tipo di rapporto hai con la formazione, la ritieni utile, indispensabile o accessoria? Più precisamente che relazione avverti con il fare blogging, ed infine, quando scrivi un post per erogare conoscenze, far apprendere a fare tramite tutorial, trovi giustificato se sostengo che un blog può essere anche un canale per fare formazione?

La formazione è utile per assimilare i concetti da sviluppare poi sul “campo di battaglia”. Il web è qualcosa di molto pratico, occorre sperimentare, provare strategie diverse; trovo utile anche l'errare, errare è fantastico, puoi capire cose che neanche immaginavi esistessero. Direi che sul web vince “il fare”! Certo, bisogna avere una buona base, ma cominciare a fare è già un buon punto di partenza. Spesso si parla troppo, si progetta per mesi, si rimugina. Nel nostro settore non c'è tempo: un'idea originale pensata oggi, può essere la più banale e scontata tra qualche mese... il tempismo e l'azione sono fondamentali.

blogging intervista web writing formazione comunicazione marketing copywriting
Wecultura.it - Il mondo digitale a portata di click

Quanto è importante la scrittura per te e quanto tempo le dedichi al giorno? Mentre alla cura-gestione del tuo blog?

A differenza dei progetti, che penso e metto in pratica in pochissimo tempo, la scrittura la vivo in modo diverso.
Non sono un blogger “compulsivo”, non sforno articoli giornalieri, a volte passano anche 15 giorni tra una pubblicazione e l'altra: ho i miei tempi, cerco di curare al meglio tutto ciò che scrivo. I miei contenuti devono essere sempre utili, devono intercettare  il search intent dell'utente e devono piacere (sia all'utente, sia a Google).


Quasi tutti i tuoi coetanei sono concentrati sul fare uso di video-blogging una scelta inusuale la tua quella di scrivere solamente o sbaglio?

Tra poco comparirò anche io in video! La scrittura però rimarrà un punto fermo nei miei progetti: per me è qualcosa di irrinunciabile!


Il tuo settore di trattazione richiede una formazione continua e permanente: quanto tempo dedichi quotidianamente ad esso per formarti e fare conseguentemente blogging?

Lavorare giornalmente nel settore mi è molto utile, è una sorta di formazione continua! Tra una pausa e l'altra però c'è sempre tempo per la formazione “pura”. Mi piace ciò che faccio e tutto quello che studio, tutto quello su cui lavoro, mi sembra sempre un “hobby”, un “passatempo”... insomma, come se non lavorassi/studiassi! 😄


Cosa ne pensi di quelle “web stars” che si sentono già arrivate? Mentono spudoratamente per poi studiare da sotto i banchi con il metodo Lewinsky?

Credo che “sentirsi arrivati” sia l'inizio della fine e chi ragiona in questo modo non va mai troppo lontano. Sicuramente c'è chi mente, anche a se stesso, considerandosi un guru, una celebrità, ma il web è cinico: se l'utenza si accorge che non sei realmente preparato o comunque che stai mentendo in qualche modo, ti rispedisce nell'anonimato in un batter d'occhio.


Purtroppo è risaputo che il nostro paese non brilli certo per una mentalità imprenditoriale “Open” quanto per un riconoscimento meritocratico nel mondo del lavoro, a partire dagli ambienti istituzionali. Avverti che nel web per un ragazzo della tua generazione il web ha offerto ed eventualmente possa offrire una via di uscita “altra” e delle chance professionali-lavorative altrimenti evasive ed emancipative da questa spiacevole situazione imperante e totalizzante?


E' vero, in Italia siamo sempre un po' “fermi”, sempre indietro ad altre nazioni (mi vengono in mente la Germania o il Regno Unito), ma piano piano qualcosa sembra stia cambiando (lentamente). I veri problemi nel nostro Bel Paese rimangono la tassazione e la burocrazia... sono un handicap con cui liberi professionisti e aziende devono fare i conti giornalmente, e sono anche il motivo per il quale tante aziende estere non investono da noi. Lo sappiamo tutti, solo chi governa (da destra a sinistra, senza esclusioni), sembra non accorgersene.


Se ti dicessi che è tempo di bilanci (a dispetto della tua giovane età 😛) e ti chiedessi come ti sei trovato con il web in merito alla tua esperienza li chiudi in positivo o in negativo? Ed eventualmente ti sentiresti di suggerire il medesimo percorso a chi ha il desiderio di cimentarsi nel tuo stesso ruolo?

Sicuramente positivo: ho conosciuto tante persone interessanti, mi sono formato e riesco a guadagnare facendo ciò che più mi piace.
Il mio percorso è stato lungo e faticoso, però mi ha aiutato a capire tante cose, quindi sì, lo suggerirei ad un aspirante... non so come definirmi 😄 Diciamo blogger!


Il web quindi in generale e più in particolare il blogging ha tradito le tue aspettative, le ha superate o peggio deluse?

Le ha soddisfatte, ma ho ancora molta “fame”, una fame genuina però, quella che ti aiuta ad andare avanti e non sentirti mai “arrivato”.


Tra 5 anni come ti vedi? Prima però per chiudere dacci qualche anticipazione sul tuo futuro radioso prossimo venturo, anticipando magari anche qualche progetto che hai in serbo per i tuoi affezionati lettori.😉

A breve indicizzerò e cercherò di posizionare al meglio un nuovo progetto: recensioninotebook.it, tutto dedicato, come avrai intuito, alle guide all'acquisto di notebook, ma non mancheranno pillole e news sulla tecnologia (come vedi informatica e tecnologia non mi abbandonano mai!).

Tra 5 anni mi vedo molto meno stressato, con molti meno lavori tra le mani e molte più rendite passive, generate da affiliazioni e info-prodotti. Mi piace la strada del formatore, proverò sicuramente ad insegnare qualcosa alle “nuove leve”!

Grazie ancora per l'intervista Antonio, buon lavoro, have a nerd day! :)


Che vi avevo promesso? Le conclusioni a lettura ultimata faranno emergere spontaneamente le abilità ed il talento di un blogger-copywriter & SEO specialist che definirlo giovane è fare un torto alla sua esperienza/capacità.

Ditemi che non sembra di sentir parlare un professionista-specialista web iper-navigato. Non ho detto consumato perché entusiasmo e freschezza si avvertono al suo fianco come fedeli compagne non solo in ciascuna risposta che ha dato ed offerto ma in ogni progetto online in cui lo trovate.

Che altro aggiungere, Roberto G. Protano starei ancora qui ad enucleare tutte le tue qualità (tante) ed a riempire righe su righe. Ho provato a tracciarne una con te, tipica delle operazione utili a quantificare i risultati ma è davvero difficile perché la tua prosegue e tende all'infinito.

Ciononostante consentimi di averti fatto un'istantanea che sia valsa quanto meno come un mega, due punti, COMPLIMENTI!!