Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

giovedì 6 aprile 2017

Intervista a Susana Alonso Founder at Sorsi di web - Social Media Specialist

 intervista susana alonso founder at sorsi di web web marketing export consultant  trainer social media specialist
Intervista a Susana Alonso Founder at Sorsi di web. Web Marketing and Export Consultant & Trainer. Social Media Specialist su: blogging, formazione, comunicazione, personal branding, social networking.

Ci sono certi nomi dati ad attività online che non solo rendono subito l'idea ma ti fanno venire voglie incontrollabili. Essi sono alla pari del magnete per il ferro, il cemento e l'acciaio per tenere su case e ponti, del Super Attak® e dell'amore che nonostante tutto riesce ancora a far girare questo mondo intorno al suo asse. A fare da chimica è l'attrazione, collante a cui resistere è come voler negare che esistono cose a questo mondo da cui non solo non si può prescindere ma che ci piegano alla loro volontà inesorabilmente.

Ecco per me il cibo ha nella vita proprio questa valenza e temo anche per molti di voi per quanto non siano da annoverare necessariamente tra i golosi o ehm.. i bevitori. Estremizzo solo perché il binomio di cui parliamo in questa intervista è quello che lega il food al vino. D'altronde è affare noto quanto le radici delle tradizioni nostrane affondino storicamente sia nell'uno che nell'altro settore e perciò è presto detto l'effetto che ha sortito in me il nome evocativo: Sorsi di Web dato all'agenzia web che ha fondato +Susana Alonso.

Una realtà che ha compiuto due anni proprio in questi giorni e che ha inaugurato la nuova sede. Ho incorporato il ⬇ post pubblicato su Facebook ⬇ con le foto dell'evento, che invidia 😍🤞




Ciao Susana ti andrebbe di iniziare parlandoci del tuo percorso formativo e di cosa ti occupi attualmente?

Certo Antonio, e innanzitutto ti ringrazio per l'interesse e l'ospitalità.
Ho iniziato il mio percorso lavorativo in ambito finanziario, mentre ancora studiavo Economia a Buenos Aires. Per alcuni anni, mi sono occupata di business promotion, recupero credito, analisi di bilancio e studio dei business plan. Poi sono riuscita a realizzare uno dei sogni della mia vita: studiare all’estero. Sono andata a Bologna, dove ho completato un Master Post universitario in Relazioni Internazionali. Ma non riesco mai a stare ferma, e nel biennio 2010/2011 frequentai un secondo master, in Marketing e Comunicazione, sempre a Bologna.

Per diversi anni ho lavorato in varie aziende dell’Emilia Romagna, negli uffici Commerciali e Marketing, per poi scoprire nel 2012 la mia passione per il Food & Wine.

Lavorando come commerciale estero di piccole aziende, ho potuto verificare che il principale problema di molte aziende è la mancanza di una comunicazione adeguata, sia a livello locale che internazionale. È stata proprio l'idea di dare risposta a questa domanda latente in un settore che mi appassiona in maniera particolare che mi ha portato a creare Sorsi di web.


Da malato di blogging non ho potuto fare a meno di vedere nelle informazioni del tuo profilo Facebook che hai studiato/lavorato presso SQcuola di blog, ci racconteresti qualcosa di più in merito?

Confesso che adoro studiare! SQcuola di Blog, e il suo Master in Social Marketing, è stata fondamentale nel mio percorso. Nel 2013 avevo vissuto per qualche mese in USA, a Jersey City, e lì mi sono convinta che dovevo approfondire le logiche del Social Media Marketing, per riuscire a offrire alle PMI una proposta integrata di promozione.

Completai l’ultima prova di ammissione per entrare alla SQcuola proprio qualche ora prima di prendere l’aereo per tornare in Italia, e incrociai le dita per tutto il viaggio. Qualche giorno dopo, quando ormai non ci speravo più, ebbi la grande sorpresa: ero stata ammessa!

Faccio una premessa: come in ogni ambito della vita, nessun percorso formativo è completo se non ci metti del tuo. Credo di aver frequentato abbastanza corsi per sentirmi autorizzata a dirlo. Infatti, durante il mio percorso personale in questo Master in Social Media Marketing, studiai molto e mi impegnai per riuscire ad assimilare la maggior quantità possibile di concetti, case studies e stimoli. Da questa esperienza nasce anche il mio approfondimento delle best practises per l’Internazionalizzazione digitale delle aziende. In seguito, i miei webinar e le mie docenze in aula hanno avuto una buona accoglienza, e continuo a collaborare con grande piacere con la SQcuola.


Marketing e comunicazione: qual è il modo che hai trovato per unirli e farli convivere online?

Soprattutto facendo domande. Spesso le domande sono più importanti delle risposte. Cerco sempre di capire cosa vuole il cliente facendogli tante domande. Non mi vergogno mai di chiedere. Adoro studiare i mercati e fare benchmarking (in fondo rimango un’economista). Cerco di mettermi nei panni del cliente e dei suoi buyer personas, tenendo conto anche del marketing mix che l’azienda ha messo in pratica.


Fondatrice-proprietaria di Sorsi di web, cibo, ottimo vino, sei consapevole di aver aperto la digital agency dei sogni tanto da far morire chiunque al solo pensiero di invidia fulminante?

Bella questa domanda! E se ti dicesse che in questi ultimi 5 anni ho messo su almeno 5 chili? Mi ritengo molto fortunata, perché essendo una wine and food lover, mi tengo sempre aggiornata e mi capita di parlare quasi tutti i giorni con gli operatori del settore. Inoltre, i miei amici sommelier, che sento tutti i giorni via Whatsapp, mi aiutano a capire quali sono i temi, le tendenze e le criticità che sollevano le persone appartenenti a questa nicchia di mercato.


Lavorare a stretto contatto con Bacco ha mai portato qualche problema di concentrazione, aumenta la socializzazione o riuscite comunque a non cedere alle tentazioni?

Haha! Sì, il vino favorisce certamente la socializzazione, ma bisogna stare attenti a non esagerare. Durante una degustazione può anche capitare che qualcuno fra il pubblico perda la concentrazione. Fa parte del gioco, e non bisogna preoccuparsene troppo.

Quando devo scrivere un articolo o una recensione non bevo mai davanti al computer. Invece assaggio il vino un giorno prima e prendo appunti. Se posso lo assaggio di nuovo più tardi, per esempio la sera in un'atmosfera rilassata, e solo il giorno dopo mi siedo a scrivere. Insomma, cerco di mantenere sempre la massima obiettività.

Un consiglio che mi sento di dare ai colleghi che lavorano nel mondo del vino è: se devi fotografare, non bere; se devi bere, allora non fotografare. 😃


Tra i servizi che offrite inevitabilmente da blogger impenitente che sono non ho potuto fare a meno di notare che vi occupate di blogging e che producete e localizzate, in funzione del mercato/target, contenuti anche in inglese e spagnolo; esistono delle differenze tra questi mercati - faccio riferimento ai contenuti - che trascendono quella evidente della lingua o sono tutti egualmente ricettivi e per niente dissimili?

Normalmente, prima di cominciare con i progetti in lingua, facciamo un listening o ascolto della rete. In progetti di una certa entità ci rivolgiamo anche a un collega esperto di SEO, per individuare al meglio le parole chiave più utilizzate nel mercato target. Non solo ogni lingua, ma anche ogni paese ha le sue particolarità culturali. Ci capita anche di fare del blogging / localizzazione dei contenuti per settori molto distanti dal vino. Molti problemi sono gli stessi. Per farti un esempio, quando parli di candeggina al mercato ispano parlante, non puoi usare la stessa parola per definire lo stesso prodotto. Se ti rivolgi alla Spagna parlerai di “lejía”, se. invece, devi parlare con i sudamericani, allora userai la parola “lavandina”. L'ascolto della rete fa anche emergere tendenze e punti di vista diversi che bisogna assolutamente considerare quando si sviluppano i contenuti. Certamente confrontarsi con i mercati esteri aiuta a superare i pregiudizi e insegna ad adattarsi.


Con la formazione che rapporto hai in relazione al tuo lavoro: marginale, tangenziale, interdipendente o fondamentale?

A me piacerebbe tornasse a essere fondamentale. Amo insegnare, in azienda ho fatto anche formazione al personale, e da giovane davo ripetizioni a studenti. La nostra proposta include anche la formazione, in azienda e online. Questo perché i liberi professionisti (Sommelier, Chef e Consulenti) e le piccole aziende non dispongono sempre di un budget per affidare i loro canali social o la scrittura dei loro blog post a terzi.

Ovviamente investo anche io molto tempo nella mia formazione e in letture che arricchiscono il mio bagaglio di conoscenze.


Sorsi di web Logo Header web site blog food wine vino cibo
www.sorsidiweb.com/blog/



Un blog è indispensabile per uno specialista online e perché?

Sì, credo che il blog sia indispensabile per uno specialista online. Lo metterei addirittura al primo posto, perché il blog è sempre tuo, per così dire. Infatti l’aspetto più importante del blog è che ti dà l'opportunità di avere un’identità personale e professionale. Con il blog puoi raccontarti e puoi aiutare gli utenti cercando di comunicare le tue competenze. Il blog è un 'luogo' unico, nel quale ti puoi esprimere con grande libertà, scegliendo il mix particolare di strumenti con cui comunicare (testi, immagini, video, infografiche).


Ancora, ritieni che sia uno strumento prettamente comunicativo o utile anche per erogare formazione e vicendevolmente anche per fruirne?

Un po’ come anticipavo prima, il blog è il luogo ideale per ‘donare utilità ai tuoi lettori’. Poco tempo fa, un mio amico sommelier mi ha chiesto se tra i post di Sorsi di web avrebbe potuto trovare un articolo che spiegasse come organizzare un evento o una degustazione. Gli risposi che per gli eventi avevo già scritto qualche post generico, ma vista la sua curiosità, colsi l’occasione per scrivere un post specifico sull’organizzazione di una degustazione. Questa esperienza mi ha fatto molto piacere per due motivi: (1) ho dato una risposta utile a un mio lettore, e (2) ho messo nero su bianco le mie conoscenze in materia e mi sono chiarite le idee.


Inoltre, quanto è importante per fare personal branding e social networking?

Io decisi di aprire un blog mentre leggevo il libro ‘Fai di te stesso un brand’ di +Riccardo Scandellari. Il tempo ha confermato tutti i concetti che avevo trovato in questo bellissimo libro, e sui quali avevo riflettuto. È stato soprattutto grazie ai miei blog post che sono nate diverse collaborazioni, anche con clienti esteri.


Ho visto che anche tu sei una fervente fautrice delle interviste come format da inserire nel piano di gestione-cura di un blog, quali valori ritieni apportino al calendario editoriale ed ai lettori?

Le interviste mi piacciono molto come contenuto da proporre ai lettori. Una sola persona non può essere esperta di tutto e nemmeno aver vissuto tutte le esperienze lavorative possibili. Perciò proporre ai propri lettori altri punti di vista e conoscenze diverse è una risorsa molto valida da inserire nel piano editoriale. Le interviste danno anche freschezza al blog e aiutano a consolidare la rete professionale.


Esiste un qualcosa in merito al valore che apporti all’agenzia che riconduci al tocco femminile?

Uh! Che domandona… Oltre ai vasi e alle tazze in color rosa e magenta? Probabilmente la mania dell’organizzazione e la tendenza a credere che tutto sia possibile. Non so se queste mie risposte sono giuste, ma piace pensare di sì.


Chiudiamo con qualche anticipazione per il futuro magari riferita nella fattispecie a qualche novità che intendi fare online o presto su Sorsi di web?

La grande novità è che il prossimo 31 marzo inauguriamo il nostro ufficio a Nuoro. Io guiderò una degustazione di vini locali, e presenteremo al pubblico il nostro spazio di coworking. Alle attività già esistenti di marketing e comunicazione per le aziende, aggiungeremo presto nuove attività, fra cui l'organizzazione e la gestione di eventi (fiere, incontri B2B, degustazioni), il supporto operativo all'ufficio estero, la formazione

Con Sorsi di web speriamo di coinvolgere altri professionisti della comunicazione e del marketing, e fare rete con loro in un ambiente di lavoro stimolante, rilassato e dinamico. Con tutto ciò ci auguriamo di dare un contributo significativo alla diffusione della comunicazione e delle tecnologie digitali nell'isola e di entrare in sinergia con le potenzialità dei talenti locali.

Grazie mille per lo spazio che ci hai dedicato Antonio. Ti aspettiamo a Nuoro per un brindisi con un Cannonau!


Ecco, ora mettetevi nei miei panni. Come resistere ad un invito finale di tale portata e non cedere alla tentazione? La fine di questo post ci riconduce inesorabilmente a come è iniziato ed al potere che il nettare di Bacco esercita sul nostro essere agendo indisturbato dalle papille de-😍-gustative olfatto compreso fin su alla cima del più sottile dei neuroni per una scossa il cui stimolo non può che imporre una sola azione, anzi comandamento, obbedire alla legge ipnotica del brindisi.

E sai che ti dico Susana Alonso, stavolta? A questo giro anticipiamo i tempi, facciamolo subito e adesso un bel cin cin 🥂 digitale, issati i calici al cielo vi auguro il meglio per tutto quello che hai/avete costruito e per il futuro prospero che si prospetta innanzi a se'.

Complimenti e in bocca al 🐺 +Sorsi di web ✌😉👌


Non andare via
😊prima😉
CONDIVIDI