Drop Down MenusCSS Drop Down MenuPure CSS Dropdown Menu

sabato 27 maggio 2017

Nel nome del blogging

blogging blog blogger
Nel nome del blogging cose siete e/o sareste capaci di fare?

Molti blogger fanno i superiori, quelli navigati vagamente naif ma ricercati, interpretano il ruolo dei distaccati. Lo fanno così bene da essere credibili, solo un altro blogger può saper invece quale insicurezza covi il loro ego. Bluffano chi + chi - i blogger freelance stanno tutti sulla stessa barca ammesso che non barino in altri modi ed il mare è sempre in tempesta.

E' giunto il momento di smascherarli 😨

Nel blogging conta una cosa sola, una solamente, solo chi tiene duro affronta i continui sali scendi accettandone le illogiche fluttuazione che passano dall'oggi tutti ti vogliono al domani nessuno ti si fila persino di striscio. Dentro devi essere come gli scrittori cazzuti di un tempo, già quelli che avvampavano di passione e disperazione al contempo in una qualche lurida stanza di Motel o una topaia davanti ad una macchina da scrivere. Se non altro oggi puoi puntare su una protesi al polso con una placca in titanio se ti si cronicizza il tunnel carpale.. quindi poi diventare ancora più tosto, resistente e resiliente.

Questo non è una scaramuccia fra rapper


Se ti metti a fare la punta alle rime per renderle più pungenti non hai capito proprio niente. Idem per le frasi per farle sempre più taglienti. Pure se mi dai del romantico mica stai messo tanto meglio. E' quando scrivi per qualcosa di importante ovviamente retribuito che è come se ti facessi le lastre, per rendere una radiografia semi-infallibile di chi sei realmente, caro il mio collega.

Senza filtri, appari inerme al tuo destino, adesso ti vedo attraverso, blogger, cosicché da poter ammirare ogni tua viscera ed organo vitale, il tuo muscolo cardiaco quando presente, i polmoni indispensabili per il tuo respiro ed il fegato ad indicare il coraggio e così via.

🔵►Post suggerito: ' Blogger non è = fare lo scrittore e meno male'

In nome del blogging


In fatto di praticare blogging è come parlare di una cieca perseveranza, una sorta di fede, quasi di saggia inettitudine, uno spirito guida ma anche un'amante sempre insoddisfatta.

Dopo un po' delle amanti ci si stanca ma non della nostra fede impiantataci alla nascita nostro malgrado che non farà mai di un uomo nato tondo uno morto quadrato.

Alle volte nei panni del blogger pare di recitare il ruolo del padre disperato alla ricerca del figlio scomparso a causa di una sospetta partecipazione a qualche setta satanica.

Visti dall'alto non paiamo caduti così in basso


Pensateci un attimo, provate ad osservarvi con me dall'esterno suvvia oggi è più facile basta dire come in un'immagine satellitare per rendere subito l'idea della soggettiva presa dall'alto.

Ecco voi siete dapprima quella formichina piccola piccola poi una volta zoommato quando inizia a comparire un contesto, un'ambientazione e man a mano mettete sempre più a fuoco i dettagli diventa chiaro anche il vostro delirio esistenziale. Bene voi siete quelli lì che si affannano alla ricerca di più ingaggi per fare uno straccio di stipendio. E avete l'agire degli atomi impazziti.

🔵➤Post suggerito: 'Un bravo blogger cosa deve saper fare?'


Blogger usa e getta


E guardate che il parallelismo  con il mondo satanista non è casuale. Prendete gli ingaggi che vi propongono, molti hanno la stessa forma di reclutamento, tale e quale anzi forse alla volte anche meno sofisticata. Promettendo compensi futuri in cambio di una qualche forma di indulgenza nell'immediato quasi sempre corrispondente a del lavoro gratuito dichiarano di salvarti dal peccato originale di aver scelto di fare proprio codesta professione, quella del blogger freelance.

🔵►Leggi anche: 'Devi versare lacrime, sangue e sudore per diventare blogger!'

Le esche sono sempre le solite, decidi se essere preda o predatore


Essere circuiti nel momento del bisogno insomma è un attimo, in un lampo vi ritrovare invischiati in una qualche storia che in seguito consentirà ben poche domande spirituali perché sarà lei a condurvi fino alla perdizione più estrema, alla follia.

Perciò dammi retta, frate, meglio che la sbrighi quanto prima la pratica, prima di archiviare la tua dignità mantieni l'icona aperta del file denominato: 'Cosa sono disposto a fare nel nome del blogging' prima che sia troppo tardi e sia lui a decidere cosa voler fare di te. 😉